La Coldiretti Marche protesta a Montecitorio sui danni provocati dalla fauna selvatica

2' di lettura 07/11/2019 - Cinghiali, caprioli ed altri animali sono i maggiori responsabili dei danni alle coltivazioni e dei tanti incidenti che vengono registrati ogni anno sulle strade

Sono almeno 150 gli incidenti avvenuti nelle strade marchigiane nel corso del 2018, secondo il Piano faunistico venatorio regionale. La maggior parte di essi sono legati a caprioli (55% dei casi) e cinghiali (35%) mentre la parte restante riguarda daini e istrici.
Numeri che però non danno il quadro completo perché difficilmente, ammette lo stesso report, chi investe un animale di piccola taglia come volpi, lepri, eccetera, denuncia il fatto.
È quanto ribadito dai circa 250 contadini e dai pastori delle Marche che questa mattina, insieme ad una 50ina di sindaci e alla vicepresidente della Regione Marche, Anna Casini, hanno raggiunto Roma per protestare davanti a piazza Montecitorio.
Con loro migliaia di agricoltori, allevatori, cittadini, esponenti istituzionali, sindaci e ambientalisti da tutta Italia per protestare contro l’invasione dei cinghiali e degli animali selvatici ormai arrivati anche dentro le città.
“Non è più solo una questione di risarcimenti ma è diventato un fatto di sicurezza delle persone che va affrontato con decisione. Serve agire in modo concertato tra Ministeri e Regioni, Province e Comuni ed avviare un piano straordinario senza intralci amministrativi.
Bisogna rendere ancora più efficaci i piani di contenimento e allargare le maglie di intervento perché in caso contrario la questione è destinata a peggiorare” è il commento della presidente Gardoni, presidente di Coldiretti Marche.
Basti pensare che negli ultimi 8 anni – 2010-2018 - il numero di incidenti gravi con morti o feriti per colpa di animali, a livello nazionale, è aumentato del 81% sulle strade provinciali, secondo l’analisi Coldiretti su dati del rapporto Aci Istat.
Una vera e propria emergenza nazionale che mette a rischio la sicurezza e la salute degli automobilisti e che - secondo l’indagine Coldiretti/Ixè - porta 3 italiani su 4 (72,7%) a considerare un pericolo per la circolazione sui quasi 850mila chilometri di strade e autostrade italiane la presenza di animali selvatici e di cinghiali, che possono arrivare a un quintale e mezzo di peso e 150 centimetri di lunghezza.
Una paura – evidenzia Coldiretti – che dilaga dalla montagna alla pianura, dalle zone vicino ai fiumi fino a quelle sul mare, ma nei piccoli centri di provincia con meno di cinquemila abitanti sale addirittura all’83% dei residenti.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2019 alle 12:49 sul giornale del 08 novembre 2019 - 358 letture

In questo articolo si parla di lavoro, coldiretti, cinghiali, incidenti, coldiretti marche, danni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcv7