La casa del popolo: Finalmente si parte a tempo pieno

4' di lettura 23/10/2019 - “Riteniamo che quando gli sfruttati, i ceti popolari, i disoccupati, i senza documenti si organizzano, collaborano e cooperano, si pongono le basi per la costruzione di comunità includenti, anti-razziste, fondate sull'uguaglianza, sulla giustizia sociale e sulla libertà.”

Ottobre è un mese evocativo per una Casa del Popolo e nel nostro caso è stato anche il mese decisivo per dare il via a tutta una serie di iniziative sociali e politiche in cantiere già da tempo.
L’obiettivo è quello di rendere il nostro spazio un punto di riferimento costante e duraturo per tutti coloro che condividono l’idea di promuovere forme di auto-organizzazione popolare e di mutuo aiuto, nel tentativo di favorire la partecipazione e la collaborazione tra le persone al di fuori delle logiche di mercato, della competizione e del profitto.
La settimana scorsa abbiamo inaugurato il Cineforum popolare, con la proiezione de “Il professore cambia scuola”, il 31 ottobre replicheremo con “Il giovane Marx”. Ogni mese andremo a proporre un ciclo di pellicole ad ingresso gratuito e che ci auguriamo possa favorire momenti di socializzazione e di riflessione.
Questa settimana invece, abbiamo avviato l’Aiuto-compiti popolare: si tratta di fornire un supporto allo studio delle materie scolastiche per ragazzi e ragazze delle scuole medie inferiori e del biennio superiore e un aiuto concreto alle loro famiglie. L’obiettivo è quello di stimolare la collaborazione tra pari e l’auto-aiuto, attraverso appuntamenti settimanali fissi del martedì e al giovedì. Come per il cineforum, anche l’aiuto compiti è gratuito.
Sul versante delle iniziative politiche, venerdì 25 ottobre alle ore 21.15, la Casa del Popolo ospiterà Stefano Galieni, giornalista di Left nonché autore di diverse inchieste sullo sfruttamento dei braccianti agricoli nel Sud Italia, e Fulvio Di Giorgio, sindacalista SiCobas in prima linea nelle recenti vertenze della Ambruosi e Viscardi.
Con loro parleremo di caporalato, di lavoro nero e più in generale di assenza dei diritti in un settore, quello agroindustriale, che presenta forti criticità in tutta Italia e che riguarda sia i lavoratori italiani che stranieri.
Altre iniziative politiche sono in fase di preparazione per i prossimi mesi, che spazieranno dal lavoro alla questioni politiche internazionali, dalla presentazione dei libri all’allestimento di mostre fotografiche, avendo ben presente il principio del “pensare globale e agire locale”.
Infine, ricordiamo che è attivo, ogni primo sabato del mese, lo Sportello Legale gratuito per la difesa dei diritti di chi lavora: si tratta di uno spazio di consulenza ed aiuto a chi ha problematiche legate alla negazione dei propri diritti e della propria di dignità sul posto di lavoro.
Tutte le nostre iniziative sono senza scopo di lucro e i contributi che riceviamo sono esclusivamente su base volontaria e servono solo a promuovere le attività stesse e a gestire gli spazi della Casa del Popolo.
Invitiamo tutti coloro che desiderano dare una mano a venirci a trovare alle varie iniziative e all’assemblea settimanale di gestione, luogo aperto e plurale ed unico deputato al dibattito ed al confronto interno alla Casa del Popolo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2019 alle 15:07 sul giornale del 24 ottobre 2019 - 933 letture

In questo articolo si parla di politica, redazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbZW





logoEV
logoEV