Fermo: L’associazione “La Luna” dona le sue pubblicazioni più preziose alla città

3' di lettura 15/10/2019 - Presentata stamane “Viaggi sotto la luna”, la mostra che da questo 15 di ottobre sino all’8 di dicembre impreziosirà il Gabinetto Stampe e Disegni della Biblioteca Civica “R. Spezioli” di Fermo e che sarà possibile visitare negli orari di apertura della biblioteca.

Quando Sandro Pazzi, direttore dell’associazione “La Luna”, d’accordo con gli altri membri, sceglie di donare delle pubblicazioni d’arte di grande valore non solo grafico ma anche testuale al Comune di Fermo, non avrebbe potuto desiderare niente di meglio che vedere tali pregevoli opere esposte in una biblioteca così importante come quella di Fermo. Un archivio personale l’associazione lo ha senz’altro, precisa Pazzi, ma essendo giunte richieste da Matera ( a cui sono stati donati ben quindici diversi libri d’arte) e persino dalla Cartografia Nazionale di Roma, si è scelto di accelerare i tempi e donare qualcosa anche a Fermo sì che possa anch’essa avere il suo punto di riferimento in cui studiosi e appassionati possono recarsi per saperne di più di poesia e tecniche incisorie. Il lavoro svolto negli anni da “La Luna” è innumerevole, grazie anche al poeta Eugenio de Signoribus attraverso il quale è stato possibile conoscere alcuni tra i più grandi poeti del Novecento italiani e non, quali Luzi, Giudici, Parroni, Tomlinson e la polacca Szymborska.

L’Associazione pubblica annualmente per i propri associati quattro fascicoli contenenti poesie inedite tutte illustrate da maestri incisori, senza tralasciare le varie cartelle che ugualmente raccolgono poeti e incisori e i libri d’arte realizzati come nel ‘500, ossia con caratteri mobili e le incisioni tirate a mano. E’ in fase di realizzazione, precisa Pazzi, un cofanetto con le opere originali del grande Bruscaglia, un libro di Riccardo Piccardone, uno dei soci fondatori, che sarà in biblioteca da Natale, e un libriccino, che pure verrà presentato a Natale, di tutte le opere realizzate in ventidue anni e più di vita dell’associazione “La Luna”.

La biblioteca nel conservare in maniera omogenea quanto donato si renderà, come sottolineato dalla direttrice Maria Chiara Leonori, “incubatrice” di una bellezza che è stata e che sarà ancora. Il cammino iniziato con tale donazione, ricorda, condurrà poi a dicembre ad un appuntamento di approfondimento dei materiali donati, appuntamento che verrà legato a una bellezza ancor più lontana, quella del Fondo Grafico Antico della Biblioteca.

A Sandro Pazzi e a Eugenio de Signoribus, colonne portanti dell’associazione “La Luna” va il ringraziamento dell’assessore alla cultura da parte di tutta l’amministrazione comunale, certo Trasatti di vedere valorizzato nel tempo questo patrimonio artistico e letterario; tempo, oggi, in cui l’incisione è una tecnica quasi abbandonata e la poesia, come detto dal poeta De Signoribus, qualcosa di sempre più postumo.






Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2019 alle 16:31 sul giornale del 16 ottobre 2019 - 943 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Benedetta Luciani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbGW