Vivere le storie: Le Metamorfosi

4' di lettura 08/10/2019 - Parlare del territorio è una nostra prerogativa, parlare delle persone che lo compongono un nostro vanto. Qui vi portiamo a conoscere una realtà artistica piccola, ma grande allo stesso tempo.

Presentatevi brevemente ai nostri lettori:

“La compagnia "metamorfosi" è composta da Beatrice, 24 anni, studentessa, Maria, 27 anni, cameriera, Alessia, 26 anni, commessa in una pasticceria e Sonila, 24 anni, operaia. Veniamo da 4 piccoli paesini della provincia del fermano.”

Perché questo nome?
“la metamorfosi rappresenta la trasformazione del nostro essere che avviene attraverso l'arte di questa danza e il nome ci sembrava esattamente appropriato per descriverci”.

Quando e com'è nata l'idea della compagnia?
“la compagnia è nata tre anni fa, quando, dopo anni di danza, abbiamo deciso di unirci e creare un nostro gruppo. Oltre alla passione, siamo legate da una grande amicizia e da una forte complicità ed è proprio così che nasce l'idea del nostro nome "metamorfosi". Non a caso ad unirci è anche la nostra somiglianza fisica, tanto che spesso ci scambiano per sorelle.”

Cosa fate nello specifico?

“Ci esibiamo in diversi contesti, dalle feste di paese, ai compleanni e matrimoni fino ad arrivare alle rievocazioni storiche e altre manifestazioni artistiche. Il nostro spettacolo racchiude le diverse sfumature della danza orientale, che va dalla classica danza del ventre, alla tribal fusion, fino ad arrivare alla danza con il fuoco, il tutto sempre studiato nei dettagli, dai vestiti alle musiche adatte per ogni tipo di occasione.”

Dove arrivate con gli spettacoli e siete apprezzate dal pubblico?

La varietà dello spettacolo che presentiamo fa sì che venga richiesto sia nei paesi limitrofi, che fuori regione riscontrando sempre un grande successo da parte del pubblico e soprattutto facendo crescere sempre di più la nostra soddisfazione e il desiderio di migliorare il nostro percorso.”


Il rapporto tra voi immagino sia di totale amicizia e fiducia??
“Come già detto, oltre la grande passione per la danza, anche nella vita privata siamo in perfetta sintonia e la cosa che ci caratterizza di più è sicuramente l'amore... per il cibo!
La nostra serata ideale da passare insieme è una buonissima cena per poi uscire a divertirsi, anche dopo le nostre serate di danza. Anzi, ogni pretesto è buono per mangiare, infatti non esiste una nostra riunione senza un po' di pizza o qualche dolcetto. e guai a chi ci dice che non mangiamo!! Insomma, la pancia per muoversi deve essere piena, tanto poi verrà smaltito tutto durante le prove o gli spettacoli. “


Questa per voi non è l occupazione principale immagino...vi piacerebbe lo diventasse un giorno?


“La danza del ventre rimane, per ora, soltanto una passione che stiamo coltivando sempre di più ed è forse questa la ricetta segreta per trasmettere le emozioni che ci regala questa meravigliosa arte.”

E cosa avete in mente per i progetti futuri?

ll nostro futuro forse è ancora incerto, tante sono le nostre ambizioni e gli obiettivi da raggiungere, aspettiamo soltanto che la metamorfosi avvenga!”

Avete qualche aneddoto simpatico da raccontarci per chiudere questa simpatica e curiosa intervista?

“Ribadendo la nostra somiglianza, non è un caso che durante le varie esibizioni ci scambiano, come già detto, per sorelle, non riuscendo mai a riconoscere i nostri nomi e spesso su questa cosa ci giochiamo sopra. La cosa più divertente è che, senza farlo apposta, succede molto spesso che parliamo e rispondiamo in coro a quello che ci viene chiesto, confondendo ancora di più le nostre identità.”


E allora buona danza e che la vostra metamorfosi si compi con successo ragazze...

Per info: https://www.facebook.com/danzeorientaliefuoco/


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2019 alle 10:03 sul giornale del 09 ottobre 2019 - 656 letture

In questo articolo si parla di arte, danza, attualità, piceno, articolo, metamorfosi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbo1





logoEV