Sant’Elpidio a Mare: Aspettando . . . libri a 180 gradi - mercoledì sera primo appuntamento con Alessandro Moscè “GLI ULTIMI GIORNI DI ANITA EKBERG”

2' di lettura 22/07/2019 - E’ iniziato il conto alla rovescia per il primo appuntamento al calendario degli incontri estivi “Aspettando… Libri a 180 gradi”. Mercoledì 24 luglio, alle ore 21.30, Parco Bartolucci

La grande Anita Ekberg, che fu la donna più bella del mondo, è ormai anziana e malata.
Vive in una casa di riposo nei pressi di Roma dove trascorre gli ultimi anni della sua esistenza camminando appoggiata a delle stampelle e poi costretta a muoversi su una carrozzina, dimenticata da tutti.
Un giovane giornalista la incontra per intervistarla e tra loro nasce un'intesa.
I due si frequentano per alcuni mesi che diventeranno l'occasione per Anita di passare in rassegna la sua intera esistenza, per rievocare il periodo d'oro della carriera cinematografica, quando era considerata la diva dagli occhi di ghiaccio, il sogno di tutti gli italiani, specie dopo la celeberrima scena che la vide camminare dentro la Fontana di Trevi nel capolavoro "La dolce vita".
Torna il tempo trascorso con Fellini, Mastroianni, Risi, Agnelli, l'incontro con il poeta Salvatore Quasimodo.
Si riaffacciano gli uomini che l'hanno amata passionalmente come coloro che l'hanno tradita nella fiducia.
Fellini le appare in sogno ad indicarle una via d'uscita dalla paura della morte. La metafora dell'esistenza è racchiusa in un quadernone dove l'ex attrice appunta, tramite lettere che non spedirà mai, impressioni e stati d'animo, racconti visionari e preveggenze, sedute spiritiche e nostalgici flashback.
Il libro di Moscè racconta gli amori di Anita, i suoi successi ma anche le sue paure, le sue debolezze, il suo periodo più buio quando sente di essere stata dimenticata da tutti.
Alessandro Moscè è un autore marchigiano giunto al suo terzo libro con il quale, tra l’altro, è stato finalista al Premio Flaiano giunto quest’anno alla 46° edizione. Dopo la serata di apertura di mercoledì 24 si proseguirà con Chiara Moscardelli e “Volevo essere un gatta morta” l’8 di agosto.
Il 13 sarà la volta di Giulia Ciarapica che presenterà “Una volta è abbastanza” per chiudere con Roberto Cappelletti e Mirko Confaloniera che presenteranno, rispettivamente, “Io e Rocco” e “Io non viaggio in autostrada”.
Quattro appuntamenti per rendere più leggera l’attesa del Festival dell’Editoria “Libri a 180 gradi” che si aprirà il 30 agosto, ore 21.30, con un incontro nel corso del quale parlare di Fake news.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-07-2019 alle 10:41 sul giornale del 23 luglio 2019 - 511 letture

In questo articolo si parla di libri, cultura, Alessandro Moscè

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9Tn





logoEV
logoEV