Grande successo ieri al Teatro Romano di Falerone con la messa in scena della Favola del Figlio Cambiato di Pirandello

2' di lettura 18/07/2019 - Pubblico entusiasta di quanto visto, a dimostrazione della qualità del lavoro, a partire dal testo fino alla rappresentazione resa possibile dagli allievi della scuola di teatro Proscenio, istruiti e guidati dai maestri e registi Stefano De Bernardin e Stefano Tosoni.

La regia accurata e ricercata ha permesso di creare la giusta intensità che è propria del lavoro di Pirandello, ed il riadattamento del testo ha caratterizzato in maniera unica e sorprendente la rappresentazione.
Ne "La favola del figlio" cambiato si narra della perdita più dolorosa che una madre possa subire, quella del proprio figlio, il quale nato bello e sano, viene sostituito dalle streghe con un altro deforme e cagionevole di salute.
Pirandello racconta le grossolane superstizioni della sua Sicilia (Le donne, streghe dell’aria, vanno in giro di notte a sostituire i bambini belli e sani con altri malaticci e deformi) e nello stesso tempo, conferisce alla maternità un valore sacro e superiore ad ogni altra cosa.
Storia che rievoca l'antica leggenda dei "Changeling", streghe, elfi o esseri incantati; una messa in scena, con costumi ricercati e scene essenziali ma significative, che diventa metafora dell’eterno conflitto tra l’arte e il potere, guardando all’appartenenza e all’identità che, se persa, porta all’annullamento.
Ritrovare il figlio perduto è come ritrovare il senso della propria vita, così come perseguire un ideale (quello dell’arte) vuol dire riconquistare il significato di ciò che si è, come ritrovare la propria identità ma rinnovata e rinforzata.
Il tema della perdita d’identità è insito nella storia e nel carattere della Sicilia (basti pensare alle innumerevoli invasioni e dominazioni che questa terra ha subito).
Ma, per paradosso, è proprio quel fare suo ciò che le era estraneo che costituisce la vera anima di quest’isola. La perdita diventa dunque un arricchimento.






di Maria Teresa Virgili


Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2019 alle 10:13 sul giornale del 19 luglio 2019 - 898 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, articolo, Maria Teresa Virgili

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9Lo





logoEV