Jesi: Jesi in Rima: Luglio pazzerello!

1' di lettura 16/07/2019 - Buona lettura!

Na' òlta era Marzo 'l mese pazzerello

ma ade' diventa Lujio che serve l'ombrello!

Pioggia e vento forte se sfoga scatenando

nte' cingue minudi la fine del mondo...

Nte' n'attimo se chiude tutte la cadaratte

se 'mmolla le scarpe, s'allarga le ciabatte.

Ce vòle i Gambali e traversi la strada

che pure coll'ombrello te sei 'mmollada

da la testa ai piedi e hai da ringrazia'

sci' n'ha grandinado che' troppo c'è da fa'...

Stappa le Fogne, allarga tutti i Bughi,

scansa i Tombini, gna' pure che te sbrighi

che l'acqua ariva prima​​​​​​​ riempennoi i Canali,

straboccanno de fòri na' furia senza uguali.

Ntei sottopassi è tutto allagado

l'automobilista che 'rmane 'ntrappolado

i soccorsi c'ariva a sirene spiegade

i Pompieri affannadi lungo le strade.

Cento chiamade al Centralino

e ce domannamo a quale destino

semo chiamadi nte' sta' Stagio'

mentre ce dimo che non c'è Religio'...

La Natura s'arvolta se ribella sdegnada,

emo rotto l'ovi de la frittada,

e ammo' ch'è fatta volente o nolente

ce la sciroppamo clemente o Inclemente!

Chissà qu'emo fatto capace de male,

la piscia fòri de lo rinale?

Non ce ccorgemo ce pare normale

però qualchicco' sarà stado Fatale!

I Spurghi, le Fogne i Tombi' e le Piante

casca le rame eppo' pure tante...

Ste' piante no' regge du' gocce de pioggia,

s'allaga la Piazza, lo Slargo e la Loggia,

se 'nfanga i Giardini l'Orti e i Terreni

ma non ce disperamo e stamo sereni.

Tanto vie' 'l Sole, speramo ntel mèjio

sii Benvenudo mese de Lujio!!!






Questo è un articolo pubblicato il 16-07-2019 alle 13:55 sul giornale del 17 luglio 2019 - 6 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima