"Fermo sui Libri": a Fermo arriva lo scrittore Pietrangelo Buttafuoco

2' di lettura 18/06/2019 - Fermo sui Libri raggiunge il suo settimo appuntamento, cavalcando l’onda del successo e della partecipazione di pubblico. Giovedì 20 giugno alle ore 21.00 all’Auditorium San Filippo. Inoltre nuovo appuntamento con il Caffè Scienza, in Biblioteca, alle ore 18.30

Due gli incontri in programma: alle 18.30 del 20 giugno alla Biblioteca Romolo Spezioli, avrà luogo il secondo e ultimo incontro del ciclo “Caffè Scienza" realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Camerino e dedicato alla lettura razionale del presente.
Sarà protagonista la matematica Silvia Benvenuti, milanese di nascita ma camerte per elezione, che, dopo una brillante laurea e un dottorato all’università di Pisa, si è specializzata nel campo dei linguaggi della comunicazione scientifica e della didattica della matematica e della geometria tra Pisa, Dijon , Camerino e Bologna. Qui è stata poi chiamata ad elaborare, da docente, una ricerca sulla teoria dei nodi e una didattica dei linguaggi più adatti a raccontare con buonsenso e fascino le materie scientifiche.
Proprio su questa scia, ha intitolato il suo provocatorio intervento sul raccontare la scienza La matematica è un’opinione?
La seconda parte della serata vedrà protagonista un giornalista, un appassionato di politica, uno scrittore, ovvero Pietrangelo Buttafuoco, che, alle ore 21.00 nell’Auditorium San Filippo, terrà un intervento appassionato dal titolo I baci sono definitivi. Buttafuoco nasce a Catania nel 1963, lì studia e si laurea brillantemente in Filosofia Teoretica.
Dopo gli inizi come libraio e come insegnante, trova finalmente la sua vocazione nel giornalismo politico. Conoscitore delle vicende della destra storica italiana grazie ai racconti del nonno Antonino, parlamentare del MSI, si dedica all’analisi delle moderne evoluzioni dei movimenti conservatori e delle conseguenti risposte dei movimenti di sinistra.
È stato redattore per molte testate italiane, tra cui Panorama, Il Foglio, Il Secolo d’Italia, l’Italia Settimanale e il Giornale. Comincia dal 2005 a declinare la sua propensione per l’analisi politica in racconto e affabulazione, firmando il romanzo Le uova del drago, che incontra un inaspettato successo di critica e pubblico e arriva finalista al Premio Campiello 2006.
Continua raccontando il modernissimo incontro e scontro tra occidente e islam in numerosi romanzi successivi, come L’ultima del Diavolo, Cabaret Voltaire, Il feroce Saracino ed Armatevi e Morite.
A Fermo sui Libri porta una riflessione nata dal suo ultimo romanzo, dal titolo I baci sono definitivi. Nato come riflessione sugli incontri e le storie furtivi che l’autore ha vissuto in metropolitana e in treno, si sviluppa come un inno all’osservazione giornaliera e ragionata della diversità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2019 alle 15:44 sul giornale del 19 giugno 2019 - 2590 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8Jf





logoEV
logoEV