Terremoto CentroItalia: Quattro ordinanze per ricostruire luoghi e comunità

2' di lettura 23/05/2019 - Regolamentate aree attrezzate, indagini di microzonazione su aree instabili, Durc di congruità e Amministratori di condominio

“Abbiamo fatto quanto promesso ed attualmente in nostro potere per dare risposte a territorio, professionisti e cittadini su alcuni temi centraliper della ricostruzione”.
Questo il commento a caldo di Piero Farabollini, Commissario per la ricostruzione nelle aree terremotate del Centro Italia, sulla proficua mattinata trascorsa in una attesa cabina di coordinamento cui hanno partecipato per la seconda volta anche i rappresentanti dei sindaci.
“Il percorso che ci ha portato ad approvare queste quattro ordinanze non è stato privo di qualche curva il che rende più importante il fatto di essere comunquearrivati ad una sintesi ragionata e realmente condivisa – spiega il Commissario Farabollini – Ringrazio della collaborazione USR, amministratori del territorio, associazioni di categoria, sigle sindacali e, naturalmente, la struttura commissariale per averprodotto strumenti che danno risposte a chi la ricostruzione l’aspetta e a chi deve portarla a termine”.
Tra le più attese la regolamentazione delle aree attrezzate che dovranno favorire il cosiddetto turismo di ritorno ovvero le presenze di proprietari di secondecase distrutte o lesionate.
“Il legame con la terra natia non va interrotto perché la vita del nostro Appennino passa anche dalla vicinanza amorosa dei suoi figli – prosegue Farabollini – In questa direzione va letta anche l’approvazione dell’ordinanza sull’utilizzodei residui per indagini di microzonazione sismica sulle aree instabili , volta ad alimentare la ricostruzione in sicurezza”.
Le indagini si occuperanno di acquisire dati certi sull’amplificazione sismica dei territori di aree stabili in cui ricadono importantiaggregati e nuclei”. Due le mani tese verso le professioni. L’ordinanza sull’applicazione del Durc di congruità e quella che regolarmente le parcelle degli amministratori di condominio.
Entrambe sono anzitutto a sanatoria di contenziosi sulle interpretazioni: sul ruolo del Direttore dei Lavori (per il quale Rete Professioni Tecniche e Consiglio nazionale degli ingegneri eranoricorsi al TAR) e sulla regolamentazione delle parcelle per gli amministratori di condominio.
La campagna d’ascolto e la fattiva collaborazione con associazioni di categoria, datoriali e sigle sindacali sono risultate fondamentali. Prossimo step il 28 maggio con un nuovo tavolo tecnico in dirittura d’arrivo per le modifiche e l’adeguamento alle norme delle più importanti ordinanze in essere.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2019 alle 22:10 sul giornale del 24 maggio 2019 - 369 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, sisma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7QD





logoEV
logoEV