Bilancio positivo per il "Traduttore in classe", ora Bookmarchs guarda al Salone di Torino

3' di lettura 07/05/2019 - "Il traduttore in classe", che ha coinvolto 12 classi delle scuole elementari e medie di Altidona, Campofilone, Monterubbiano e Pedaso.

Si è chiuso nei giorni scorsi il progetto “Il traduttore in classe: la voce dell’altro”, la principale iniziativa collaterale di BookMarchs – L’altra voce, il festival dedicato ai traduttori e alle traduzioni editoriali organizzato dall'Associazione Spaesamenti in collaborazione con l'Ecomuseo della Valle dell'Aso e che vede il Comune di Campofilone come ente capofila.
Il progetto ha coinvolto complessivamente dodici classi delle scuole elementari e medie di Altidona, Campofilone, Monterubbiano e Pedaso, tutte appartenenti all'Istituto Comprensivo Vincenzo Pagani, guidato dalla dirigente Andreina Mircoli, che ha appoggiato con convinzione l'iniziativa.
A menare le danze Stella Sacchini, direttrice artistica della rassegna, che ha accompagnato i bambini in un percorso volto ad avvicinarli al mondo della lettura partendo da un punto di vista “particolare”, quello del traduttore. Al centro del progetto il libro Il meraviglioso mago di Oz di Frank Baum che gli alunni, sotto la guida delle proprie insegnanti, avevano letto in classe nelle settimane precedenti.
“Il bilancio del progetto è molto positivo”, commenta soddisfatta la Sacchini. “Non mi aspettavo così tanta partecipazione e curiosità da parte dei bambini: mi hanno rivolto tantissime domande sia sull'autore sia sulle caratteristiche del mio lavoro. In generale ho cercato di raccontare cosa significhi tradurre e di far capire loro come conoscere più mondi e più lingue regali una maggiore apertura mentale: un discorso su cui ho riscontrato molta sensibilità, probabilmente anche perché tutti loro ormai vivono la realtà di classi multietniche.
In particolare i figli di immigrati o di stranieri del nord Europa che sono venuti ad abitare qui si sono dimostrati molto interessati al meccanismo del passaggio da una lingua all'altra, essendo una dinamica che sperimentano costantemente nel loro vissuto quotidiano”.
Tutti i bambini hanno realizzato disegni o tradotto dall’inglese la filastrocca di Mr Joker, contenuta nel capitolo XX del libro: gli alunni della quinta elementare di Campofilone, in particolare, hanno dato vita a un piccolo volume di 16 pagine con disegni, fumetti e parti testuali, una sorta di rivisitazione dell'opera di partenza che il sindaco uscente Ercole D'Ercoli, presidente dell'Ecomuseo della Valle dell'Aso, farà stampare e pubblicare in alcune copie.
Un progetto particolare e molto interessante, dunque, che vedrà la sua appendice il prossimo 1 settembre a Ponzano di Fermo durante la terza delle tre giornate di “Aspettando il Festival”, l'antipasto della rassegna vera e propria che si terrà invece dal 4 all'8 settembre: in quell'occasione l'iniziativa verrà illustrata ai presenti, che potranno anche visitare una mostra con i disegni e le filastrocche realizzate dai bambini.
Contestualmente Ilaria Piperno ed Evelina De Signoribus cureranno un appuntamento culturale dedicato specificamente alla letteratura per l'infanzia. Nel frattempo Bookmarchs sarà protagonista anche al Salone del Libro di Torino, che prenderà il via giovedì 9 maggio.
Venerdì 10 alle 16 l'iniziativa verrà presentata, insieme ad altre rassegne marchigiane, nello spazio del Superfestival, mentre il giorno successivo alle ore 19 Fabio Pedone, l'altro direttore artistico, modererà un incontro sulla traduzione inglese dello Zibaldone di Leopardi che vedrà la partecipazione di Franco D'Intino e Richard Dixon.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2019 alle 15:01 sul giornale del 08 maggio 2019 - 1587 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7cP





logoEV
logoEV