Vivere Lib(e)ri: Indignatevi!

3' di lettura 05/05/2019 - Tema quantomai attuale, noi ve lo suggeriamo così...

L’autore, classe 1917, ebreo francese attivo nella Resistenza, arrestato, torturato, evaso dai campi di sterminio e rocambolescamente sfuggito al patibolo, dopo la guerra è diventato diplomatico ed ha contribuito alla stesura della "Dichiarazione universale dei Diritti Umani". Personalmente non aggiungerei altro…. Ma vale la pena di mettere ancora carne al fuoco.
Copertina rossa fuoco, poche pagine, niente di impegnativo all’apparenza. E in fondo è vero, ma se non letto con attenzione alla fine commenti: “e quindi?”. Ecco, questa reazione a me non è venuta, non certo spontaneamente almeno. Cavolo in fondo la direzione che vuole prendere Hessel è chiarissima: Indignatevi!! Mai come ora frase fu’ più appropriata. Tanti i temi toccati, sue le visuali e le opinioni, ma su tutte ho trovato punti d’accordo. Alla fine poi la chicca arriva con la dichiarazione universale dei Diritti Umani, che l’autore ha contribuito a stilare. Non dico debba essere tenuta vicino al letto, come magari la Bibbia, ma ogni tanto rileggerla è un atto d’amore, più che di fede. In definitiva che posso dirvi? Se preferite leggervi un Moccia da 300 pagine, fate pure, ma trovate il tempo anche per queste opere davvero meritorie di attenzione, 20 minuti di numero e ne siete fuori!
Piccola Citazione che credo ci riguardi da vicino:
Appello dei Resistenti alle giovani generazioni 8 marzo 2004:
-“Dal momento che vediamo rimesso in discussione il fondamento delle conquiste sociali della Liberazione, noi, veterani dei movimenti di Resistenza e delle forze combattenti della Francia libera, ci appelliamo alle giovani generazioni perché mantengano in vita e tramandino l’eredità della resistenza e i suoi ideali sempre attuali di democrazia….”

Creare è resistere, Resistere è creare.

Due righe sull’autore:

Stéphane Hessel (Berlino, 20 ottobre 1917) è un diplomatico, politico e scrittore tedesco naturalizzato francese, combattente nella Resistenza Francese durante la seconda guerra mondiale e deportato nel campo di concentramento di Buchenwald.


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 05-05-2019 alle 12:07 sul giornale del 06 maggio 2019 - 249 letture

In questo articolo si parla di attualità, guerra, partigiani, resistenza, articolo e piace a squazo87

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a670





logoEV
logoEV