Monte Urano, la campagna elettorale entra nel vivo. Canigola: “Non è nel loro programma l’apertura del centro diurno”

2' di lettura 05/05/2019 - Il sindaco uscente e candidato per il “Centrosinistra Monte Urano” risponde alla proposta del gruppo “Cambiamo Musica”riguardo la proposta per l’apertura di un centro diurno per anziani.

Sorpresa, per certi versi persino incredulità. Questi i sentimenti con cui Moira Canigola e i candidati di “Centrosinistra Monte Urano” hanno appreso dell'uscita a mezzo stampa di “Cambiamo Musica”, nella quale il gruppo guidato da Massimo Mazzaferro presenta tra le sue priorità la costruzione di un centro diurno per anziani. Un'iniziativa sicuramente lodevole: peccato però che nel programma elettorale regolarmente depositato in Comune dalla lista non se ne faccia alcuna menzione.

Che si tratti dunque di una folgorazione sulla via di Damasco? “Ci hanno accusato di aver copiato a piene mani il loro programma – commenta la Canigola - un'affermazione che però non corrisponde assolutamente a verità. Tra le loro proposte, infatti, non c'è traccia di quelle che sono le nostre principali idee per la cittadinanza: tra queste, per l'appunto, il progetto di residenze per anziani nel centro storico, un punto cardine della nostra concezione di “città sociale” e al tempo stesso un modo per portare nuovi servizi nel cuore di Monte Urano”.

Un progetto la cui declinazione concreta è ancora al vaglio del gruppo di lavoro della sindaca uscente, che sta studiando le mosse necessarie per fornirlo di tutti i servizi socio-sanitari necessari: le ipotesi principali illustrate dalla Canigola anche durante i suoi incontri nei quartieri sono quella di un centro diurno o di una struttura di coabitazione con alcuni servizi condivisi, come ad esempio la mensa.

“In questi mesi ci siamo abituati ad aspettarci di tutto dai nostri avversari: d'altronde sono gli stessi che da un mese e mezzo proclamano che in questa città non va bene nulla, quando invece negli ultimi anni hanno avallato diversi nostri provvedimenti in Consiglio comunale – prosegue la prima cittadina -. In questo caso, però, la realtà ha superato ogni immaginazione: avanzare a mezzo stampa una proposta senza averla nemmeno inserita all'interno del programma è indice di ben poca serietà. Propongono di “cambiare musica”, ma le loro note appaiono piuttosto stonate; parlano di ricostruire la casa mattone per mattone, ma le loro fondamenta sembrano tutt'altro che solide.

Noi comunque andiamo avanti con l'impegno che ci contraddistingue, sicuri che gli elettori sapranno riconoscere la bontà e la concretezza delle nostre proposte rispedendo al mittente i venditori di fumo”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2019 alle 07:52 sul giornale del 06 maggio 2019 - 1722 letture

In questo articolo si parla di politica, monte urano, moira canigola, centrosinistra monte urano, centro diurno monte urano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a67D





logoEV
logoEV