Arresto di due persone per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

2' di lettura 29/01/2019 - Ad essere arrestati due marocchini, A.G. di anni 45, residente a Monte Urano, operaio e A.N. di anni 36 anni, residente a Monte Vidon Combatte, disoccupato

Nella serata di sabato 26 gennaio scorso, i Carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale CC di Fermo e del NORM della Compagnia CC di Fermo hanno portato a termine un’operazione antidroga svolta in modo congiunto, conclusasi con l’arresto di due uomini domiciliati in provincia, trafficanti e spacciatori di stupefacente.
Da circa quindici giorni, i militari si erano concentrati sull’attività di spaccio di cocaina nella zona di Petritoli e nell’alto fermano, individuando i due uomini come i principali sospettati.
Hanno studiato le loro mosse, i loro spostamenti, i veicoli utilizzati, osservandoli e pedinandoli in tutti i loro movimenti, di giorno e di notte.
Sabato mattina, i due, a bordo di una Volkswagen Golf sono partiti alla volta dell’Emilia Romagna, dove si sono approvvigionati di stupefacente tra Bologna e Modena, città nelle quali sono rimasti per alcune ore, per poi fare ritorno nelle Marche. All’uscita del casello dell’A/14 però la coppia non si aspettava di essere attesa da un dispositivo dei Carabinieri che li ha subito bloccati, impedendo loro ogni reazione o tentativo di fuga.
Ad essere arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” due marocchini, A.G. di anni 45, residente a Monte Urano, operaio e A.N. di anni 36 anni, residente a Monte Vidon Combatte, disoccupato.
Occultati sotto i vestiti, celati all’interno di un calzino, due involucri in cellophane contenenti complessivamente circa 120 gr. di cocaina purissima che i responsabili avrebbero provveduto a tagliare prima di immetterla sul mercato.
La perquisizione estesa alle rispettive abitazioni permetteva il rinvenimento di ulteriori 2 involucri in cellophane, contenente complessivamente oltre un grammo di cocaina, telefoni cellulari, schede telefoniche, materiale per il confezionamento e l’assunzione dello stupefacente, sottoposti a sequestro assieme allo stupefacente recuperato e all’autovettura utilizzata. Con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, al termine delle formalità di rito, i due uomini sono stati associati presso la Casa Circondariale di Fermo, a disposizione della locale A.G..








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2019 alle 14:34 sul giornale del 30 gennaio 2019 - 1117 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3Kt





logoEV
logoEV