Calcio: Le parole di Mister Destro e di Urbinati nel post gara

3' di lettura 20/01/2019 - La prima gara del 2019 regala anche la prima gioia alla Fermana che s'impone sulla Feralpisalò 1-0.

Una gran gara in cui la squadra ha risposto all'appello di mister Flavio Destro che aveva chiesto di riprogrammare subito la testa nella giusta direzione: quella del lavoro e di chi deve scendere in campo dando più di tutto. È lo stesso tecnico a confermarlo:
"Abbiamo fatto una buona gara. Dovevamo essere attenti sulle scalate e l'abbiamo fatto. È vero la squadra ha corso sempre, fino al 95' - risponde interrogato a riguardo - Abbiamo lavorato bene, alla ripresa, abbiamo fatto tanto lavoro, ma mi è piaciuto lo spirito di una compagine che si è calata di nuovo nel Campionato con la giusta mentalità. La gara alla ripresa dopo la sosta non è mai semplice e, anzi, è tutt'altro che scontata. Va bene, per oggi, ma da domani mattina ricominciamo ad allenarci e a pensare alla prossima, per affrontare la gara che è già martedì".
Con la Feralpisalò, nei quattro incontri affrontati in questi due anni mister Destro ha ottenuto con la sua Fermana 2 pareggi e due vittorie. Saranno gli anni a Montechiari? Chiosa un giornalista ospite:
"È un caso. A Montichiari ho vissuto 5 anni bellissimi e ho fatto anni bellissimi a Brescia. Sul rigore - continua il mister analizzando la gara - il portiere è uscito scomposto e penso che ci fosse. Ma non è mio costume commentare l'operato della terna arbitrale. Io penso alla mia squadra e devo guardare e parlare della mia squadra. Tra due giorni abbiamo una partita difficilissima. Oggi abbiamo fatto bene, siamo contenti, ma finché non abbiamo raggiunto una certa quota non possiamo essere contenti e la quota non so a quanto sarà. Di certo non a 34, ovvero i punti che abbiamo ora".
Poi sul mercato:
"Ho due direttori che sono bravi a fare loro mestiere, io non ho mai chiesto nulla. Io devo allenare i giocatori che ho. Forse, viste le uscite un attaccante - risponde incalzato - ma, ripeto, sanno loro come muoversi. Fofana ragazzo giovane che sta facendo quello che deve fare nella maniera giusta. Il cambio di Giandonato perché mi serviva giocatore fresco lì, su Maiorino. Tutti hanno fatto bene. Anche Marcantognini all'esordio casalingo".
Tra chi è tornato in grande spolvero è il centrocampista Gianluca Urbinati, tra i migliori in campo della gara.
"Il rigore mi è parso netto e ineccepibile. Non si può dire che non è rigore quando è così lampante. Abbiamo conquistato una vittoria Fermana style: il nostro credo calcistico è questo - commenta - dobbiamo credere in questo e avere certezza delle nostre qualità che ci hanno portato ad avere 34 punti che sono un'enormità. Questo non deve appagarci, perché sappiamo che siamo una squadra composta da gente normale e dobbiamo lavorare più degli altri. Ci adeguiamo molto al modo di giocare degli altri e all'esigenza della partita stessa. È una delle nostre caratteristiche dalle quali stiamo traendo dei benefici, abbiamo giocatori duttili che possono fare diversi ruoli. Penso sia un pregio non fossilizzarsi su una sola idea. È un Campionato in cui tutti vincono quindi non possiamo stare tranquilli. Dobbiamo raggiungere la quota, che presumibilmente sarà oltre i 40. Ci troviamo molto, ma molto bene con gli attaccanti che abbiamo in rosa: molto votati al sacrificio e in perfetto Fermana style. Con grandissimo orgoglio accettiamo le critiche o quello che dicono gli altri. Noi degli altri però non parliamo, noi guardiamo annoi stessi. Mi ha giovato questa sosta, mi sono rigenerato un po' e nella sosta si è lavorato bene, quindi spero di fare bene".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2019 alle 21:59 sul giornale del 21 gennaio 2019 - 232 letture

In questo articolo si parla di sport, fermana calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3sN





logoEV
logoEV