Fermo: Mostra di Leonardo Cemak e Manuela Grelloni

2' di lettura 21/11/2018 - Visitabile fino a sabato 24 novembre alle ore 17.15 al piano terra di Palazzo dei Priori. Alla giornata conclusiva sarà presente il prof. Stefano Papetti

Sabato 24 novembre alle ore 17.15 al piano terra di Palazzo dei Priori si concluderà la Mostra di Leonardo Cemak e Manuela Grelloni “E se è una femmina si chiamerà futuro. Due a Fermo”, con l'intervento magistrale di uno dei critici più autorevoli e dotti del panorama regionale e nazionale, Stefano Papetti. Docente di Museologia e Restauro presso l'Università degli Studi di Camerino, curatore scientifico delle Collezioni Comunali di Ascoli Piceno, si occupa dello studio dell'arte marchigiana rinascimentale e barocca, organizzando esposizioni ad essa dedicata in Italia e all'Estero.
Nonostante la sua specializzazione nell'arte rinascimentale e barocca, il noto critico, ama fare incursioni nell'arte moderna e contemporanea e non è la prima volta che presenta una mostra di Leonardo Cemak. Già a Palazzo Parisani Bezzi, a Tolentino, nel 2008, fu il prof.Stefano Papetti a curare e presentare la fortunata ed originale mostra di Leonardo Cemak titolata Opere Decenti.
A dieci anni di distanza il prof. Papetti torna a parlare dell'arte di Cemak e di una evento giocato sul filo dell'ironia e del paradosso con una specularità fra femminile e maschile smaccatamente interlocutoria. La mostra è stata pensata all'interno di uno dei festival più originali del panorama marchigiano, Parlare futuro. Lezioni d'Autore. Il festival alla sua ottava edizione si è tinto di rosso ed ha scelto come via maestra l'arte a rivendicare l'egemonia della follia sulla razionalità.
"Vi sono tempi in cui è necessario essere folli, essere attenti ai segni, alle coincidenze, a ciò che smargina ed esorbita dal puro dato empirico e l'arte è esattamente questo" - afferma Oriana Salvucci, curatrice della mostra.
L'evento è stato promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Fermo, dalla Biblioteca Romolo Spezioli e curato da Oriana Salvucci. E' il primo appuntamento di Parlare Futuro a cui seguiranno ben altri otto incontri con ospiti altrettanto autorevoli come Umberto Galimberti, Piergiorgio Odifreddi, Franco Arminio, Marcello Veneziani, Valerio Massimo Manfredi. La rassegna Parlare Futuro si sposterà in tre delle province marchigiane e coinvolgerà ben otto Comuni, ma è l'Arte, in questa edizione, il principio di tutto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2018 alle 15:33 sul giornale del 22 novembre 2018 - 814 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1Db