Montegiorgio: Al Cinemanzoni torna in scena Vicolo Cechov

05/11/2018 - Al Cinemanzoni di Montegiorgio lo spettacolo di improvvisazione teatrale di Vicolo Cechov va in scena per la prima volta con il format comico “DIRECTORS”.

Come ogni autunno, a Montegiorgio, riapre la scuola di improvvisazione teatrale Vicolo Cechov e l'ha fatto anche quest'anno con un divertentissimo spettacolo di apertura, nel quale si sono esibiti i direttori artistici della scuola stessa e due fra i membri più navigati della compagnia.
Ma cos'è l'improvvisazione teatrale?
Bisogna chiarire un attimo il concetto espresso da questa domanda assolutamente legittima.
L'improvvisazione teatrale è l'arte di creare uno spettacolo dal nulla; senza copione, né scenografia, giusto con un pizzico di regia e volendo, una colonna sonora, anch'essa, quando c'è, sempre improvvisata. Senza alcuno strumento narrativo preconfezionato, gli attori si buttano letteralmente sul palco, mimando secondo precise regole gli elementi di un ambiente. Dal bar alla chiesa, dalla scuola alla casa e via dicendo fino all'immateriale, il sogno o un mondo totalmente immaginato e scardinato dalla realtà. La trama, che del resto non c'è, almeno in partenza, viene anch'essa improvvisata con l'ingresso del secondo attore e poi col terzo e via dicendo, finché ne servono; questi audaci attori iniziano a dialogare fra loro e dal pubblico, oltre la quarta parete, si ha la netta sensazione che riescano a leggersi a vicenda nel pensiero. Nulla è lasciato al caso però. Anche nell'improvvisazione ci sono delle regole precise, ma velate agli occhi di chi non è del mestiere; regole che devono venire rispettare per dare spessore alle storie sempre diverse e pazzesche che nascono dai meandri più profondi della fantasia degli avventori del palco.
Queste storie catturano l'immaginazione di chi assiste, perché sono sempre uniche e irripetibili: nell' imprò non esiste una “prima teatrale” oppure ogni spettacolo può essere considerato tale.
Ed è questo il caso dello show “DIRECTORS” di sabato, nel quale quattro registi particolarmente simpatici si sono affrontati per ottenere l'ambito Oscar all'improvvisazione migliore.
La serata, presentata da Laura Marziali con Vasina Squarcia come valletta ufficiale dell'evento, ha visto scontrare le improvvisazioni messe in scena dal temerario Marin Scortese (Roberto Rotondo), dal tenebroso Quentin Tarantella (Fabrizio Aloisi), dalla geniale Sofia Accoppala (Giulia Scarpino) ed infine, ma non per ultimo, dallo spassoso Michele Acido (Fabio Astolfi). Tutte le improvvisazioni hanno avuto come tema, a questo punto direi ovviamente, proprio il cinema e ci hanno fatto ridere a crepapelle fra storie horror, sceneggiate napoletane, racconti crime e fiabeschi, tutti accompagnati dalla colonna sonora improvvisata di Ennio Mozzicone (Fabio D'Onofrio) che a fine serata, alle tastiere, ha letteralmente composto con gli attori un vero e proprio musical di quindici minuti, usando come tema solo una parola suggerita dal pubblico!
A fine serata i direttori artistici della scuola Roberto Rotondo e Fabio Astolfi hanno invitato il pubblico a provare l'improvvisazione teatrale il prossimo sabato, nelle sale del Chiostro S. Agostino di Montegiorgio (FM) dalle ore 16:00 fino alle 20:00 o almeno ad andare ad osservare, se incuriositi, i ragazzi che già da tre anni vivono questa realtà del nostro territorio.
Una serata diversa ed eccitante, quella di ieri al Cinemanzoni, che più volte ha scatenato il pubblico in lunghi applausi accompagnati sempre da fragorose risate e posso affermare che anche a spettacolo finito, i sorrisi faticavano ad andarsene dai volti dei presenti.

[Foto gentilmente concesse da Primopiano Foto Gualtieri, Montegiorgio, FM]







Questo è un articolo pubblicato il 05-11-2018 alle 15:33 sul giornale del 06 novembre 2018 - 903 letture

In questo articolo si parla di musica, teatro, spettacoli, montegiorgio, pubblico, risate di scena, articolo, improvvisazione comica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZ59