Conferita la cittadinanza benemerita di Porto Sant’Elpidio a Corrado Macerata

4' di lettura 20/03/2018 - L’occasione speciale della premiazione di un simbolo dello sport cittadino Corrado Macerata, istruttore dello Sporting Club basket a cui è stata conferita la cittadinanza benemerita di Porto Sant’Elpidio per il superamento delle 100 donazioni è stata anche un momento di festa per l’Avis Comunale di Porto Sant’Elpidio.

Ad un anno dalla formazione del nuovo direttivo composto da Paride Calzetti, Damiano Nociaro, Edi Tassotti, Mariano Cirilli, Paolo Caporaletti, Luciano Meconi, Martina Curzi, Francesca Vagnoni, Ilaria Santandrea (Segretario), Letizia Nociaro (Vicepresidente), con Presidente il Dott. Stefano Agolini, è tempo di bilanci.
L’attuale consiglio direttivo è un gruppo giovane che ha presto scoperto che fare parte di questa associazione, oltreché come donatori, anche come volontari attivi è un ruolo assai arduo: accanto alle attività di promozione e pubblicizzazione, le Avis comunali svolgono un ruolo di collettori, di coordinamento e collegamento con la sanità pubblica, che materialmente si occupa della raccolta di sangue.
“All’inizio era difficile coordinare tutti gli impegni professionali di ciascuno di noi con le attività dell’associazione, avevamo paura di non essere all’altezza, ma eravamo e siamo ancora motivati dalla voglia di raggiungere l’obbiettivo di rendere il sangue da trasfusione un bene sempre più disponibile, per chi ne ha bisogno. Per fortuna siamo soprattutto un gruppo di amici che prima di tirarsi indietro si misura con l’impegno e con lo sforzo del compagno di associazione, per cercare di bilanciare l’impegno di tutti” afferma il presidente.
Poi col tempo, anzi con pochissimo tempo, sono arrivate grandi soddisfazioni: grazie alla sensibilità della gente di Porto Sant’Elpidio l’Avis ha trovato dei nuovi amici e tanti nuovi donatori. Ciò che tuttavia questo gruppo non si sarebbe mai aspettato è stato trovare una nuova famiglia al Palas, tra il pubblico, la società ed i giocatori della Malloni Basket. Infatti la società ha adottato l’Avis e l’Admo come sponsor etici ed ha previsto un prezzo convenzionato a € 2,00 per i donatori delle due associazioni. Oltre alla società abbiamo ricevuto un grande supporto di solidarietà ed amicizia anche nello stesso Corrado Macerata, esempio di costanza e dedizione tanto nello sport quanto al mondo della solidarietà e del volontariato”.
Afferma inoltre il Presidente Agolini: “Durante e fuori dalle partite abbiamo sempre trovato spazio per poter parlare al pubblico ed ai settori giovanili. La premiazione di oggi ne è stato un esempio, ma ciò che è ancora più bello è che queste esperienze non sono state soltanto un intervento verso una platea passiva; al contrario, diversi tra il pubblico ci hanno poi contattato per diventare donatori, altri con orgoglio ci hanno detto di essere, come noi, donatori, altri ancora soprattutto i ragazzi delle giovanili hanno manifestato una grande curiosità.
Tuttavia le più grandi soddisfazioni sono arrivate da Corrado e dai giocatori: giovani e forti, come già sapevamo, ma che non avremmo mai immaginato così vicini ed entusiasti nel supportare le nostre attività.
Tra tutti, il Capitano Mirko Romani e Diego Torresi, già iscritti all’Admo, da oggi fanno parte anche dell’Avis come donatori di sangue. Oggi abbiamo colto l’occasione della premiazione di Corrado e dell’ingresso di questi due giovani nel mondo della donazione di sangue come spunto per promuovere ed invitare tanti alla donazione, ma vogliamo anche raccontarvi ciò che c’è dietro la loro foto: sono venuti insieme a noi tra i “banchetti” che vengono organizzati per la promozione della nostra associazione, sono stati con noi mentre parlavamo ai ragazzi delle giovanili, insieme a noi hanno voluto invitare tanti a seguire il loro esempio.
Loro sono i veri simboli della nostra città, non solo come sportivi ma anche e soprattutto come esempio di impegno sociale e solidale. Non dobbiamo chiedervi di diventare come loro, ciascuno di noi è già come loro, forse c’è solo bisogno di uno sforzo in più: non rimandate a domani la vostra chiamata ai nostri contatti, non fatevi frenare dalla paura, contattateci e la vostra vita migliorerà, così come è migliorata la nostra”.
Info utili. Per essere donatori di sangue è necessario avere tra i 18 e i 65 anni, essere riconosciuti idonei alla donazione dopo aver superato una visita medica ed esami del sangue gratuiti ed avere un peso corporeo superiore ai 50 kg, poi secondo le proprie possibilità si possono fare un massimo di 4 donazioni annue di sangue per gli uomini e 2 per le donne. Per iscriversi al registro ADMO, le idoneità fisiche sono le stesse, mentre bisogna avere meno di 36 anni.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2018 alle 21:57 sul giornale del 21 marzo 2018 - 523 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSRY





logoEV
logoEV