P.S.Giorgio: Intervento dell’Assessore ai Lavori Pubblici Massimo Silvestrini

2' di lettura 17/03/2018 - “A seguito delle strumentali e irrilevanti polemiche sollevate dall’opposizione in Consiglio comunale, oggi e sulla stampa, s’intende precisare quanto segue in ordine al piano di recupero di via Galliano e alla variante urbanistica Pensione Sangiorgio.

Via Galliano: il Comune ha concesso l’accorpamento di tre immobili in un edificio. Il senso dell’intervento è quello di aver consentito un unico intervento edilizio. L’aumento della volumetria non rappresenta una concessione dell’Amministrazione come qualcuno intende far credere bensì è quanto previsto dalla legge nel cosiddetto “Piano casa”.
A fronte di ciò il privato, anche a seguito delle osservazioni avanzate dai gruppi di maggioranza, provvederà a nuove piantumazioni per un valore di 10.000 euro, alla ristrutturazione del fosso sottostante via Settembrini fino a viale della Repubblica, con pulizia, risanamento e nuova pavimentazione andando a completare un intervento di riqualificazione sia degli immobili presenti sia delle parti comuni (viabilità pedonale) come da progetto in atti che, da quando si è ascoltato e letto, l’opposizione non conosce affatto.
Detto intervento costituisce una riqualificazione complessiva di un’area cittadina oggi degradata sia nelle parti private oggetto dell’intervento sia in quelle pubbliche.
Variante urbanistica Pensione Sangiorgio: Si tratta di una struttura concepita come abitazione dove i proprietari hanno sempre avuto la residenza, costruita in un contesto urbanistico classificato B (residenziale) tanto che il Piano regolatore del ’75 la considerò così gia allora. Vista la funzione a pensione che negli anni aveva svolto, solo il Piano del ’96 la indica come struttura alberghiera. La volumetria edificata era relativa a quella di una casa di civile abitazione.
Al contrario, un albergo ne avrebbe avuta una molto maggiore, come accaduto in altri casi. Inoltre la proprietà non ha mai usufruito delle agevolazioni volumetriche concesse alle strutture ricettive.
L’immobile è esattamente conforme agli edifici circostanti, da sette anni è stato declassificato dalla Provincia perché non più avente caratteristiche sufficienti per l’attività ricettiva, tanto che la stessa è stata abbandonata definitivamente. Altre pensioni della stessa tipologia e caratteristiche sono già classificate “B residenze”.
Ci sconcerta il fatto che qualcuno della minoranza possa oggi pensare di fare turismo a Porto San Giorgio in determinanti contesti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2018 alle 18:22 sul giornale del 19 marzo 2018 - 521 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto san giorgio, Comune di Porto San Giorgio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSLg





logoEV
logoEV