“Donne fuori dal Comune”: Inaugurata la mostra alle Piccole Cisterne che celebra creatività e atre al femminile

09/03/2018 - Visitabile fino all’11 marzo In programma anche eventi e incontri culturali

8 marzo all’insegna dell’arte, della cultura e della bellezza. E’ stata aperta ieri alle Piccole Cisterne in Largo Calzecchi Onesti a Fermo la collettiva d’arte del ricco cartellone di “Donne fuori dal Comune”, programma di iniziative coordinate dalla Presidente del Consiglio Comunale Lorena Massucci per celebrare la festa internazionale della donna, realizzato con il patrocinio del Comune di Fermo ed il sostegno di Regione Marche, Ambito Sociale XIX e Solgas.
In esposizione opere tutte da ammirare di 20 artisti: Daniela Acciarri, Daniela Andreatta, Luca Baldo, Lucia Brandoni, Giancarlo Cuccù, Mara Grazia D’Alessandro, Patrizia Di Ruscio, Mara Foglini, Mariapia Funari, Alba Giansanti, Elena Kuleshova, Lorena Massucci, Paolo Pagliacci, Massimiliano Petrini, Mauro Postacchini, Luigi Scibè, Isabela Seralio, Ciro Stajano, William Timi, Maria Venezia. In occasione della mostra (che questa mattina è stata visitata dagli alunni della scuola Sapienza) verranno raccolti fondi destinati all’associazione “Il “Tempio di Bellona”, autodifesa e benessere psicofisico contro la violenza di genere.
Presenti all’inaugurazione il Sindaco Paolo Calcinaro, gli assessori Ingrid Luciani e Micro Giampieri, le consigliere comunali, Cristian Falzholgher in qualità di consigliere della Provincia di Fermo, il vice Presidente dell’associazione Il Tempio di Bellona Fabrizio Giostra, Filippo Ercoli amministratore della Solgas, Laura Gaspari di On The Road, Marilena Imbrescia, autrice della foto della locandina, Cristina Lanotte, artista.
“Di strada ne è stata fatta dalle donne – ha scritto Lorena Massucci nel catalogo edito da Zefiro - ma ancora c’è n’è tanta da fare se è vero che, secondo un’indagine del World Economic Forum, nel 2015 l’Italia risulta al 41° posto per uguaglianza di genere su 145 Paesi. Per non parlare poi delle discriminazioni e delle violenze che, troppo spesso, le vedono vittime sacrificali. E allora ogni occasione è buona per dar voce all’identità femminile. Per affermare un proprio diritto ad esistere in quanto donne, in un senso non necessariamente legato al valore, pur fondante, della maternità. Questo è il senso dell’operazione che abbiamo voluto fare come gruppo delle “Donne fuori dal Comune” in occasione dell’8 marzo 2018, Festa delle Donne, per renderlo un appuntamento che superi la mera formula della ritualità dovuta ad una celebrazione che rischia spesso di contaminarsi con banalizzazioni ideologiche o, peggio, commerciali.
“Fuori dal Comune” appunto, un gioco di parole per significare una proposta artistica singolare ed il fatto che, a proporla, siano donne del Comune, (le) consigliere, (le) assessore, (le) presidentesse, che portano il tema della questione femminile nuovamente al centro di una riflessione seria, appassionata, attuale”.
Un programma che si compone della mostra (aperta alle Piccole Cisterne fino all’11 marzo dalle ore 17.00 alle 21.00) ma anche di incontri culturali ed eventi ispirati alla donna ed alla creatività femminile. Venerdì 9 alle ore 18.30 incontro con Lidia Pupilli su un itinerario biografico alla riscoperta delle donne marchigiane.
Sabato 10 marzo alle ore 18.30 incontro con la scrittura al femminile alla presenza di Samuela Baiocco, Carla Chiaramoni, Federica Marconi e Elena Pigliacampo.
Domenica 11 marzo alle ore 18.30 Sand art Music, Cristina Lanotte con i Playback Live (Maria Chiara Sebastiani e Federico Scipioni). A seguire la premiazione delle tre opere più votate.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2018 alle 22:03 sul giornale del 10 marzo 2018 - 542 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSuO





logoEV