“Correre oltre me”: una “storia” da raccontare

10/01/2018 - Le edizioni Zefiro danno il via alla collana di narrativa “Silhouette” che ospita un romanzo auto- biografico scritto da Samuela Baiocco.

“Correre oltre me” è il libro scritto da Samuela Baiocco che verrà presentato giovedì 11 gennaio alle ore 18 presso la Biblioteca Civica “Romolo Spezioli” in Piazza del Popolo a Fermo alla presenza dell’autrice, dell’assessore alla cultura del Comune di Fermo, Francesco Trasatti, e dell’editore Carlo Pagliacci. Si tratta di un romanzo in parte autobiografico in cui vengono ricostruiti in modo creativo fatti e situazioni frutto di esperienze personali e non.
“Questo è il romanzo - sottolinea Carlo Pagliacci, responsabile della casa editrice Zefiro - con cui apriamo una nuova collana editoriale dedicata alla narrativa. Lo ha scritto una donna coraggiosa e determinata che ha affrontato, in modo coinvolgente e a tratti ironico, la sua storia, con tutti i limiti e le potenzialità che ogni storia racchiude. Un racconto romanzato, che prende spunto dalla realtà ma che poi s'inerpica lungo flussi narrativi che la trascendono liberando fantasia e creatività. Un libro da leggere non solo come un romanzo ma anche come una sorta di "motivazione" all'esistenza... Perché si può correre, nonostante tutto: questo è l’insegnamento di Samuela”.
La Baiocco, alla sua prima esperienza editoriale, vive dalla nascita una disabilità motoria importante che però ha saputo gestire con grande tenacia riuscendo a costruirsi una vita normale grazie anche al sostegno della famiglia. Laureata in sociologia con lode, oggi lavora, dopo aver vinto un concorso pubblico “non per categorie protette” nel Comune di Fermo. “Ama leggere e viaggiare ed è alla costante ricerca di nuove sfide” si legge nella presentazione dell’autrice, ed in effetti il volume si apre con un viaggio straordinario in terra d’Irlanda e si conclude con il desiderio dichiarato di dar vita al racconto romanzato della propria esistenza in un libro: “La mia storia. La storia di una bambina, e poi di una ragazza e infine di una donna che è riuscita a dar concretezza ai suoi sogni nonostante le difficoltà. La storia della normalità che può esservi dietro un corpo limitato, della bellezza e del valore che si possono scoprire in una vita destinata alla sofferenza e apparentemente non meritevole d’esistere”.
Il romanzo "Correre oltre me" rappresenta la degna conclusione del ciclo "Letture fermane" che ha visto la casa editrice Zefiro invitata dalla biblioteca comunale e dall’amministrazione fermana a presentare alcune sue pubblicazioni. Si è iniziato il 1 dicembre con “Ai confini della Grande guerra”, un libro di Marco Severini, docente di Storia dell’Italia Contemporanea presso l’Università di Macerata, per poi proseguire il 22 dicembre con “La guerra di Nina”, un racconto scritto da Carla Chiaramoni e illustrato da Michela Quadrini.
“Un periodo intenso e pieno di soddisfazioni per una piccola realtà editoriale che cerca di continuare a proporre libri di qualità confidando che possa ancora esservi spazio per chi ama le buone letture” chiosa Carlo Pagliacci.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2018 alle 15:14 sul giornale del 11 gennaio 2018 - 1051 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Zefiro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQyd