Crowdfunding per attivare laboratori per i bambini di Visso e Amandola

11/08/2017 - È partita da pochi giorni la campagna di crowdfunding dedicata a Mus-e Italia onlus per i bambini di Amandola e Visso, e già ha superato il 60% dell’importo minimo valutato come indispensabile per l’attivazione di due laboratori artistici realizzati secondo la metodologia Mus-e, associazione che da diversi anni, in Italia e nel mondo, promuove l’arte e la bellezza a scuola come strumento di interpretazione della realtà, anche e soprattutto in condizioni di disagio per gli alunni.

I protagonisti di questa iniziativa sono lo scrittore di gialli Gino Marchitelli (nella foto, che per l’occasione ha invece scritto una storia per bambini dal titolo “Ben, Tondo e gatto Peppone”), l’associazione culturale Il Picchio e la casa editrice Zefiro che hanno deciso di dar vita ad un progetto di raccolta fondi che prevede un ciclotour solidal-culturale, da Milano a Carovigno, in Puglia, con una serie di tappe che, dal 19 agosto al 4 settembre vedranno Marchitelli percorrere in bicicletta tutta la costa adriatica. Ad ogni sosta verrà presentato il progetto di crowdfunding pro Mus-e e il libro “Ben, Tondo e gatto Peppone” a questo associato.

Come ogni favola che si rispetti, la storia scritta da Marchitelli, autore poliedrico e molto attento al sociale, contiene una morale che vale per tutti: è un libro contro i pregiudizi. Mus-e Italia, associazione che promuove il tema dell’integrazione a scuola attraverso l’arte, lotta da sempre contro gli stereotipi e, dunque, è stato gioco forza incrociare gli interessi dell’associazione e quelli dello scrittore. Le modalità per contribuire al progetto di crowdfunding, che terminerà a fine ottobre, si possono trovare sulla piattaforma www.becrowdy.com, sezione eventi, sui siti e sulle pagine facebook dello scrittore e dell’associazione Mus-e. “Mus-e Italia cercava un’occasione meditata ed utile per affacciarsi nel cuore del nostro Paese martoriato dal terremoto” dichiara Costanza Garrone, vice presidente di Mus-e Italia.

“Più volte ci siamo interrogati su quali strumenti organizzativi e finanziari si potessero attivare per offrire ai bambini delle scuole di quei luoghi un percorso di serenità e creatività grazie ai nostri laboratori. Ebbene, uno strumento concreto l’abbiamo trovato grazie a Marchitelli. Starà a tutti noi di Mus-e, ai nostri amici, alle organizzazioni partner, far sì che questo strumento possa funzionare.”

Dunque partenza del ciclotour il 19 agosto con prima tappa a Gramignazzo, in provincia di Parma, poi a seguire Cavezzo, Imola, Cesenatico, Fano, Chiaravalle, Grottammare, Fermo e così via, attraversando l’Abruzzo e il Molise fino alla meta, Carovigno in Puglia, dove si tireranno le prime somme di questo progetto che proseguirà, come crowdfunding, sino a tutto il mese di ottobre 2017. “Ho già partecipato ad iniziative di solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma - sottolinea Marchitelli - e mi sembrava giusto e naturale, visto che sono legato per diverse ragioni alle Marche, dare un segnale di vicinanza anche ai più piccoli, a quei bambini che hanno fatto la terribile esperienza del terremoto. Una storia può servire a far viaggiare con la fantasia, e la possibilità di affiancare a questo viaggio una esperienza concreta con gli artisti di Mus-e mi è sembrata una proposta convincente.”

Un altro piccolo segnale di speranza per far sì che le popolazioni colpite dal sisma possano ritrovare il coraggio di tornare a vivere tra i monti Sibillini, in mezzo a quelle terre bellissime ed altrettanto fragili.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-08-2017 alle 10:20 sul giornale del 12 agosto 2017 - 404 letture

In questo articolo si parla di attualità, visso, amandola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aL8A