Vivere le Storie, Amandola: Giorgio Tassi

18/07/2017 - Fotografo e scrittore amandolese doc, è uno di quelli che pensano che lamentarsi non serva a niente. Per vivere un territorio ci vuole ad amarlo e proteggerlo; lui lo fa con delle magnifiche foto e col turismo.

 

Incontro Giorgio nella sede dell’Ufficio Turistico / Centro Visite Parco, dove lui ed altri ragazzi compongono la prima linea dell’accoglienza amandolese. Attendono i turisti e chiunque voglia saperne di più sui Sibillini e sulla città del mandorlo.
È storia recente infatti, che molte strutture culturali ed edifici del paese, siano inagibili o parzialmente inaccessibili. Così anche il polo del Chiostro di San Francesco, dove vi era il museo del Paesaggio, ha subito gravi danni. Un’amara situazione dati i tanti lavori di ammodernamento e rifacimento, che lo stesso Tassi attuale direttore, aveva improntato da marzo a luglio dello scorso anno. Un gioiellino che era il fiore all’occhiello della città, ma che grazie all’intervento dell’amministrazione e dei tanti aiuti ricevuti, può rivivere. Infatti grazie alle donazioni dei comuni di Legnano e limitrofi, impegnando ditte amandolesi per i lavori costati quasi 50000€, il museo con tutti i reperti e le vecchie strutture, è stato spostato alla Collegiata antico teatro situato sulla via che va’ da Piazza del Risorgimento a Piazza Alta.
Ogni piano è adibito a differenti obiettivi: il primo  ospita già il vecchio-nuovo museo del Paesaggio, il secondo la Scuola di musica la Fenice, mentre il terzo raccoglierà prossimamente le tante opere recuperate dalle chiese cittadine lesionate dal sisma ed anche un laboratorio di restauro che partirà a breve. E non è tutto perché con l’amministrazione comunale proprio Tassi ha avuto l’idea di allestire una sala Eventi per presentazione di libri, mostre ed altro proprio al centro della piazza principale. Tanti eventi vi sono infatti già stati organizzati per l’estate in corso.

Ma oggi come sono cambiate le cose?
Giorgio mi dice che lo sforzo fatto è enorme, ma la scelta a suo avviso, è quella giusta.
“ Tornare a puntare su ciò che si ha, perché di bellezze il territorio ne ha infinite e sarebbe un peccato fermarsi a piangere su ciò che è successo. Mi chiedi come vanno le cose oggi? Be’ ti fornisco un piccolo dato statistico, per dimostrarti quanto credo siamo sulla direzione giusta…”,
(cerca il registro presenze dell’Ufficio Turistico) e mi dice:
“ Oggi di domenica 22 visitatori al museo, per buona parte stranieri entusiasti e vogliosi di vedere e conoscere. Niente male no?”
Effettivamente, niente male.
Ma cosa chiedono di fare e vedere i turisti, domando?
“Guarda a differenza di noi italiani, gli stranieri non vogliono fare il tour delle macerie e vedere i danni che il sisma ha prodotto, ma vogliono respirare i Sibillini, parlare con la gente e mischiarsi alle tradizioni e alla cultura locale. Difatti chiedono di fare escursioni, dove mangiare e cosa mangiare, dove dormire ed altro. Non badano al superficiale, ma vanno più a fondo. E su questo punto, quello delle escursioni, fammi aprire una parentesi a cui tengo anche come iscritto al Cai.
Tutto quello che è stato detto in questi mesi, che ho visto anche scritto su molte testate, è quanto di meno utile. Percorsi chiusi, montagne franate, lago sparito…così si distrugge l’immagine di un territorio e così non lo si aiuta affatto. Tornando poi ai percorsi, posso dirvi che quelli sul versante ovest dei Monti Sibillini presentano numerose criticità e sono interessati da ordinanze di inagibilità, mentre il versante est, eccezion fatta per l’infernaccio e Lago di Pilato(ma qui qualcosa migliora) il resto è tutto percorribile, anche se in qualche punto vi sono piccoli smottamenti. Monte Amandola, Castel Manardo , Pizzo tre Vescovi , le sorgenti dell’Ambro, la Priora, il monte Sibilla, sono frequentabili e percorribili.“

 

Ecco, vogliamo aiutare il territorio? Torniamo a visitarlo ed apprezzarlo. A cominciare da chi lo vive.
 


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it




Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2017 alle 17:18 sul giornale del 19 luglio 2017 - 2323 letture

In questo articolo si parla di attualità, fotografia, turismo, amandola, sibillini, giorgio, articolo, tassi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aLmc





logoEV