Fermo: Entreranno in piena attività le isole ecologiche informatizzate a Santa Caterina

12/07/2017 - Tanti i vantaggi per i cittadini

Minor impatto ambientale, fruibilità 24 ore su 24, modalità di conferimento che dissuaderà da abbandoni indiscriminati e che soprattutto favorirà in futuro la creazione di meccanismi premiali per i cittadini che lo faranno in modo virtuoso.
Come annunciato dall’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi nei giorni scorsi, insieme ai consiglieri comunali Manuela Luciani e Massimo Monteleone, fra oggi e domani le 21 nuove isole ecologiche posizionate nel quartiere di Santa Caterina entreranno in piena attività.
Da questa mattina al Sagrini vengono consegnate da parte delle Fermo Asite le rimanenti tessere necessarie per poter accedere al servizio, con tanto di istruzioni per il corretto conferimento: buona la partecipazione dei cittadini.
I cittadini, dotati della tessera di riconoscimento, potranno conferire i rifiuti in modo efficiente. Dopo aver permesso al computer la lettura della tessera stessa, sarà necessario premere il pulsante del tipo di rifiuto (es. carta, plastica ecc.) mettere il sacchetto dei rifiuti sulla bilancia, applicare sull’involucro la banda adesiva che verrà emessa e conferirlo nell’apposito cassonetto.
Per ulteriori due settimane la nuova raccolta verrà affiancata da quella tradizionale dei cassonetti, per consentire un approccio graduale al sistema, cassonetti che verranno ritirati progressivamente per non creare disservizi.
“Un sistema che incentiva la raccolta differenziata responsabilizzando l’utente e rendendo più moderna la città – ha detto l’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi – un meccanismo che prosegue sulla strada già tracciata con successo ai Palazzi Santarelli”.
L’Amministrazione Comunale vuole andare avanti spedita nel processo di “modernizzazione” per arrivare all’ambizioso obiettivo della tariffa puntuale ma più nell’immediato nel miglioramento del servizio e nell’aumento della raccolta differenziata, la cui non eccelsa percentuale fino ad oggi era frutto principalmente della mancata copertura del servizio su tutto il territorio comunale; quello delle isole informatizzate, unitamente alle politiche finalizzate a combattere i conferimenti illeciti, costituisce un importante passo concreto per la risoluzione di questo problema. Non va dimenticato da ultimo che ognuna di queste isole sarà dotata di 3 videocamere, occhi importantissimi anche, e non solo, per dissuadere chi non esegue i conferimenti nei modi dovuti.
In questo modo Fermo potrà andare avanti per cercare di raggiungere traguardi finora solo immaginati: finora sono stati fatti interventi puntuali laddove si ravvisavano criticità (Lido Tre Archi, parte della Castiglionese e via Respighi) ma certamente le isole informatizzate porteranno a questa Città la tanto attesa modernizzazione nel settore; da oggi quasi 6 mila residenti del popoloso quartiere di S. Caterina avranno finalmente l’opportunità di contribuire fattivamente per un servizio di civiltà e di rispetto dell’ambiente.
“Contiamo di ricevere dal quartiere la stessa collaborazione che i residenti hanno mostrato nelle riunioni propedeutiche all’attivazione del servizio, partecipando numerosi ai vari incontri e fornendo istruzioni e indicazioni o consigli sul posizionamento delle isole. Il successo di questo nuovo servizio dipende anche e soprattutto da loro” - ha aggiunto la consigliera comunale Manuela Luciani.
“Insieme all’assessore Ciarrocchi stiamo studiando anche un sistema per la raccolta del verde privato – ha aggiunto il consigliere Monteleone - per evitare che i cittadini debbano utilizzare le isole informatizzate per le potature dei propri giardini, spesse volte molto voluminose”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2017 alle 14:33 sul giornale del 13 luglio 2017 - 564 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLas