Francavilla D'Ete:Neri Marcorè a Radio Aut Marche

09/07/2017 -  Neri Marcorè in diretta su Radio Aut Marche parla di RisorgiMarche, il festival di solidarietà per la rinascita delle zone colpite dal sisma.

Ore 10.15,nel corso della trasmissione”Parole”condotta dallo speaker Claudio Luchetti, risuona sulle onde di Radio Aut Marche il buon giorno di Neri Marcorè,l'attore elpidiense promotore del progetto “RisorgiMarche” a favore dei luoghi marchigiani colpiti dal sisma,13 concerti per riscoprire le meraviglie dimenticate di una regione devastata dal terremoto.
“L'iniziativa mi è venuta in mente dopo la scossa del 30 ottobre che ha messo in ginocchio l'entroterra della nostra penisola e che ha coinvolto un territorio molto vasto. La regione Marche, in modo particolare,da sola rappresenta più del 65% del territorio interessato dal recente sisma. Ho preso questa decisione perchè,della mia regione,l'informazione parlava sempre molto poco,delle enormi difficoltà che si erano venute a creare, dei danni subiti,le altre regioni apparivano più al centro dell'attenzione,venivano messe maggiormente in luce sotto i riflettori della cronaca. Il 24 agosto Arquata e Pescara del Tronto avevano subito ingenti danni con numerose vittime ma le notizie erano sempre poche e frammentarie, la scossa del 30 ottobre,fortunatamente senza ulteriori perdite umane,ha provocato una devastazione senza eguali,131 comuni colpiti solamente nelle Marche.Inizialmente, molto in sordina, ho portato avanti una piccola iniziativa per i cittadini di Arquata,realizzata a San Benedetto del Tronto, dove gli sfollati della cittadina terremotata hanno trascorso l'inverno.Successivamente ha preso sempre più corpo questa nuova idea, con l'intento di essere vicini alle comunità colpite, di portare turismo nelle zone, laddove si era creato più isolamento.
A tal proposito dovendo necessariamente aspettare l'estate,la stagione in cui la gente va in vacanza e si muove con maggiore facilità,ho iniziato a chiamare e a sensibilizzare un po' di amici,e ho chiesto loro la disponibilità ad esibirsi gratuitamente nei luoghi terremotati.Ho pensato da subito che sarebbe stato inutile sovrapporli tutti in una data unica, era interessante invece caratterizzare con momenti diversi, un artista alla volta,personalizzando ogni singolo show,coprendo la vastissima zona del cratere sismico.Così è stato e l'iniziativa è stata accolta dagli artisti con grande entusiasmo,ho cominciato a chiamare Niccolò Fabi, Luca Barbarossa,Francesco De Gregori...etc..alcuni hanno aderito all'istante, altri hanno avuto bisogno di ritagliare uno spazio libero in mezzo agli impegni, ma tutti hanno risposto con grande affetto. Queste sono state le premesse, ho concretizzato 13 date nei luoghi più suggestivi con i relativi cantanti.
Condividendo il progetto con amici fidati lo abbiamo arricchito ed iniziato a mettere in piedi questa imponente struttura,a fare promozione attraverso la stampa, la televisione ed abbiamo debuttato il 25 giugno con Niccolò Fabi a Spelonga, sopra Arquata del Tronto,venerdì 7 luglio si è esibita Malika Ayane a Cingoli e sabato 8, i Daiana Lou a Propezzano di Montegallo. Le date successive saranno le seguenti: domenica 9 luglio Ron a Pintura di Bolognola, il 12 Enrico Ruggeri, il 20 Paola Turci, il 23 Bungaro,il 25 Samuele Bersani,il 27 Daniele Silvestri,il 30 Barbarossa-Mannoia,il 31 Brunori Sas, il 2 agosto Max Gazzè e il 3 agosto gran finale con Francesco de Gregori, Gnu Quartet e l'Orchestra Filarmonica Marchigiana.Tutti i concerti hanno delle caratteristiche comuni:sono gratuiti e bisogna percorrere un breve sentiero a piedi per raggiungere il luogo dove si svolgerà lo spettacolo.
Io sono abbastanza ecologista ho dei principi che mi porto dietro dall'infanzia, per questo l'idea di andare per prati ed arrivarci in auto non mi piaceva particolarmente, abbiamo così adottato la regola di arrivare in questi luoghi incontaminati con tutto il rispetto che gli è dovuto; camminando a piedi o percorrendo il tragitto in bicicletta,lasciando le automobili a qualche chilometro di distanza. Muoversi in montagna ,di giorno, con il sole, comporta una certa fatica, ma,partendo per tempo abbiamo modo di godere delle bellezze della natura con la soddisfazione poi di arrivare in luoghi incantati sulle note dei nostri cantanti preferiti.
I concerti si svolgeranno di giorno e inizieranno alle 16,30 circa,in modo da poter sfruttare la luce naturale e non quella artefatta,artificiale dei fari elettrici,che avrebbe comportato dei costi aggiuntivi di notevole entità. Dal punto di vista organizzativo ci sono infatti tante spese da sostenere, nonostante la disponibilità gratuita degli artisti,il risparmio sulle luci e sull'assenza di un palcoscenico (tutti i musicisti si esibiscono sui prati,in mezzo alla natura).Alcuni giornali hanno riportato che sono stati circa 5000 gli spettatori presenti al concerto di Malika Ayane e tanta gente partecipa a prescindere dai cantanti,semplicemente per aderire alla manifestazione.Molti partono dalle loro regioni solo per portare il proprio contributo umano.La gente è fantastica,sono tutti animati da uno spirito gioioso,e collaborativo,sono tranquilli,sorridono,ascoltano la musica,applaudono e lasciano una grande lezione di civiltà perchè al termine degli spettacoli non rimane nessun rifiuto,nessuna cartaccia, i prati restano intatti come li abbiamo trovati.Il popolo di RisorgiMarche regala un bellissimo esempio di come si può stare insieme senza incidenti o polemiche,comportandosi da persone civili,riconciliandosi con quella natura che pur non avendo colpe, a volte può colpire duramente lasciando dolore e devastazione.Siamo noi uomini che dobbiamo ancora imparare a convivere e a non abusarne a rispettarla costruendo i nostri paesi con criteri di maggiore sicurezza.
Vorrei ringraziare le persone dello staff,i collaboratori,a partire dal marchigianissimo di Grottazzolina,Giambattista Tofoni,che da 10 anni è coodirettore insieme a me del Teatro delle Api di Porto Sant'Elpidio e con lui ringrazio l'amico Alberto Mazzoni che coordina l'attività delle Isole del Gusto, tutte quelle aziende penalizzate dal sisma che espongono i propri prodotti culinari per avere un po' di visibilità,utile a ripartire.Infine ringrazio voi, popolo marchigiano,verso il quale nutro profonda riconoscenza,non dimenticherò mai che tutta la mia avventura artistica parte proprio da Radio Aut,da una mia partecipazione ad un quiz radiofonico di Giancarlo Guardabassi.
Ho intrapreso successivamente un percorso diverso,nel mondo del cinema ma se non avessi iniziato a calcare il palcoscenico vicino a Giancarlo forse ora non sarei arrivato a fare quello che faccio e quella esperienza ha sicuramente fissato le basi al percorso professionale che ho intrapreso dal 1990 in poi. Vi aspetto con grande affetto alle date di RisorgiMarche e vi ricordo di seguirci attentamente sul sito RisorgiMarche.it per le informazioni in tempo reale del nostro festival di solidarietà per la rinascita delle zone colpite dal sisma”-


Di Laura Cardinali

redazione@viverefermo.it






Questo è un articolo pubblicato il 09-07-2017 alle 15:29 sul giornale del 10 luglio 2017 - 1472 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, neri marcorè, vivere fermo, sisma, notizie, articolo, ricostruzione post terremoto, risorgimarche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aK5I