Monte Urano: Nunzio Barbieri e i Black Cat Manouche : un sodalizio vincente

02/07/2017 - Il trio ha proposto brani fra più noti di Django Reinhardt come Minor Swing, Nuages e Minor Blues

Apprezzatissima performance e consensi calorosi per Nunzio Barbieri ed i Black Cat Manouche in concerto sabato 1 luglio presso la Società Operaia di Monterubbiano.
Accompagnato dai validissimi Gianmarco Polini alla chitarra e David Padella al contrabbasso, Barbieri, caposcuola del Jazz Manouche in Italia, chitarrista di Paolo Conte e leader del gruppo Manomanouche, ha deliziato con per quasi due ore il pubblico presente con i suoi funambolici ed eclettici “soli”, esempio di magistrale perizia nell’affascinante musica Manouche.
Carisma ed estro non sono mancati negli interventi solistici sia di Polini sia di Padella, che insieme a Barbieri sono riusciti a raggiungere un ottimo affiatamento negli equilibri dinamici e sonori e un’intesa musicale che si è concretizzata attraverso un’esibizione che ha saputo sempre catturare l’attenzione del pubblico suscitando un sincero entusiasmo.
Il trio ha proposto brani fra più noti di Django Reinhardt come Minor Swing, Nuages e Minor Blues, ma anche jazz standard rivisitati in chiave Manouche come Coquette, Caravan e All of Me.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2017 alle 23:31 sul giornale del 03 luglio 2017 - 835 letture

In questo articolo si parla di redazione, spettacoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aKR1