Fermo: presentata a Milano la 25° edizione della manifestazione "Tipicità"

05/12/2016 - 90 eventi, padiglione wine&food, biogarden con biodiversità e vini autoctoni, birre artigianali e produzioni biologiche. Gran Tour per conoscere luoghi insoliti, Piccole Italie, confronti con realtà mondiali come Cina e Dubai, percorso del saper fare. E ancora: “Tipicità in the City” di sera nel centro storico di Fermo e possibilità di acquistare negli outlet.

L’Anci Lombardia in via Rovello a Milano ha fatto da cornice alla presentazione, coordinata da Paolo Notari e da Marco Ardemagni, di queste novità di Tipicità, giunta all’edizione n. 25 in programma a Fermo dal 4 al 6 marzo 2017. Un vernissage particolarmente partecipato che ha visto Marche e Lombardia insieme, con la presenza di amministratori e sindaci provenienti da entrambe le regioni, la cui collaborazione si è sviluppata in particolar modo con Expo 2015 e che prosegue in modo fattivo.

“Eravamo già vicine ha detto in sede di presentazione Roberto Scanegatti, presidente di Anci Lombardia, ora ve ne siamo ancora di più dopo i recenti terremoti che hanno colpito la vostra regione. L’Italia è un bel paese e merita di spiccare il volo più di quanto già fatto, dobbiamo essere uniti. I rapporti fra Lombardia e Marche saranno concreti e non formali”.

“Da 25 anni Tipicità ha allestito una piattaforma in grado di esaltare i luoghi , le bellezze, il saper fare e l’enogastronomia delle Marche. I fenomeni però cambiano i percorsi come è successo con il terremoto. 143 sono i Comuni della nostra regione colpiti. Siamo qui per dirvi che vogliamo ripartire, stiamo già ricostruendo, venite nelle nostra regione – l’appello di Maurizio Mangialardi, Presidente di Anci Marche”.

“Tipicità è un’eccellenza del nostro territorio, un percorso su cui crediamo e che sta andando oltre i confini regionali, vedi l’ultima tappa in ordine di tempo con la Cavalcata dell’Assunta a Dubai – ha dichiarato il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro – con Tipicità si è riusciti a promuovere i territorio con un progetto sta dialogare molto con l’sterno, oltre i confini regionali e nazionali come dovrebbe essere fatto. E da Milano con questa presentazione parte l’edizione n. 25 di Tipicità, così come a Milano l’anno scorso abbiamo presentato la mostra monografica del nostro Rubens che anche quest’anno fa parte di un percorso espositivo più ampio sulle opere dell’artista fiammingo”.

In 25 anni Tipicità ne ha fatta di strada. Quando è nata si svolgeva su una superficie di 500 mq, ora su 13 mila mq. Ha cambiato sede 4 volte e cambiato denominazione tre volte. Ma la sua mission è unica.

Il segreto della nostra longevità è quello di aver sempre monitorato lo scenario psicografico ed economico motivazionale dei territori, di innovarci nei contenuti. La nostra missione è rendere appetibile a livello globale identità e valori territoriali – ha detto nella presentazione Angelo Serri, direttore di Tipicità - Tipicità non è una fiera, è un contenitore di eventi. Anche in questa edizione ne saranno oltre 90 fra cibi di alta gamma, creatività e manualità e territori a confronto.

Fra i presenti, si sono annoverati: Francesco Adornato, Rettore dell’Università di Macerata,Luciano Messi, Sovrintendete del Macerata Opera Festival, Francesco Micheli, direttore artistico del Macerata Opera Festival, Enrico Derflingher, Presidente Mondiale Eurotoques; Pierpaolo Sediari, vice sindaco di Ancona, Francesco Trasatti, vice sindaco di Fermo, Marianna Perotti, vice sindaco di Venarotta; Fabio Cecconi, Responsabile promozione agroalimentare Regione Marche, Ruben Cittadini, assessore turismo del Comune di Castelfidardo, Mara Cernic, Presidente Piccole Italie. Presete anche il sindaco di Camerota Antonio Romano e l’assessore al turismo di Asti Andrea Cerrato

Al termine, dopo la degustazione di prodotti tipici delle Marche, visita a Palazzo Reale a Milano della mostra dal titolo “Pietro Paolo Rubens e la nascita del barocco” che, curata da Anna Lo Bianco, annovera fra le opere esposte l’Adorazione dei Pastori di Fermo (al centro della mostra monografica a Milano l’anno scorso) e che dal 26 ottobre scorso (sarà esposta fino al 26 febbraio) è tornata in un percorso fatto di oltre 70 opere, di cui 40 del grande maestro fiammingo, grazie a prestiti internazionali da alcune delle più grandi collezioni del mondo (come quelle del Museo Nazionale del Prado, dell’Hermitage di San Pietroburgo, della Gemäldegalerie di Berlino e del Principe del Liechtenstein), e a prestiti di numerose collezioni italiane (tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Antica di Roma, i Musei Capitolini, la Galleria Borghese, la Galleria degli Uffizi e la Galleria Palatina di Firenze, il Museo di Palazzo Ducale di Mantova, la Galleria di Palazzo Spinola di Genova, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2016 alle 20:27 sul giornale del 06 dicembre 2016 - 919 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, tipicità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aEkF