Ancona: scendono alla stazione con 70 g di "Sugar Brown", in manette due fermani

11/10/2016 - Scendono dal treno e iniziano ad azzuffarsi. Un comportamento che ha subito insospettito gli agenti delle Volanti in servizio per il controllo del territorio verso le 2.00 di lunedì notte che hanno deciso di raggiungere e bloccare i due giovani in piazza Rosselli.

Di fronte alla richiesta dei documenti, entrambi avrebbero tentato di tirare fuori le carte di identità con una sola mano mentre tenevano l’altra nella tasca del piumino. Alla richiesta di levare le mani dalle tasche, ecco spuntare una scatola in metallo e un coltello a serramanico. I poliziotti hanno quindi proceduto all'identificazione dei due sospettati: un 26enne pluripregiudicato per reati in materia di sostanze stupefacenti e un 19enne incensurato residenti nel fermano.

All’interno della scatola di metallo, di quelle per contenere liquirizia, un pezzo di eroina del tipo “Sugar Brown” per un peso peso di 1,01 g circa, mentre il coltello a serramanico occultato dal 19enne aveva la lama sporca di sostanza stupefacente. Quest'ultimo indizio fa supporre agli agenti che i due avrebbero preparato delle dosi per smerciarle sul mercato anconetano dopo averle nascoste in qualche parte del proprio corpo. Accompagnati quindi in Questura e sottoposti a perquisizione personale, sono stati trovati con addosso oltre 70 g di eroina, nascosti tra gli slip e le parti intime.

Per gli inquirenti si tratta di spacciatori pendolari che in una sola notte avrebbero potuto guadagnare diverse migliaia di euro. Sono quindi stati arrestati per il reato di spaccio di sostanza stupefacente e condotti presso la Casa Circondariale di Montacuto. Il più giovane si ritrova ora anche con una denuncia per per porto abusivo di arma da taglio.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 







Questo è un articolo pubblicato il 11-10-2016 alle 11:32 sul giornale del 12 ottobre 2016 - 1904 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti, eroina brown sugar, volante della questura di ancona, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aCaQ