Fermo e Ansbach ancora più vicine, riconfermato il Patto di Amicizia fra le due città

3' di lettura 09/10/2016 - Incontro dei giovani, sport, scuola e protezione civile saranno i prossimi impegni del gemellaggio.

“Lo scopo prioritario del gemellaggio tra Fermo e Ansbach è il sostegno e la prosecuzione dei rapporti culturali, economici e turistici tra le città e dei rapporti personali tra i cittadini italiani e tedeschi. Dovrebbe essere rafforzata in particolare la cooperazione per fare incontrare i giovani delle due città. Oltre allo scambio, già esistente, tra gli istituti scolastici, sono da favorire positive interazioni tra le associazioni sportive giovanili delle due città. Inoltre sono da favorire i contatti appena stabiliti tra le corali delle due città e tra le due realtà della protezione civile”. E’ quanto letto e sottoscritto dai Sindaci Paolo Calcinaro e Carda Seidel dopo il voto unanime del Consiglio Comunale di Fermo, che ha approvato la delibera che ha riconfermato il gemellaggio, siglato nel 2006, fra le città di Fermo e Ansbach in occasione del decimo anniversario.

Al Centro Congressi San Martino, alla presenze di molte autorità, “le due amministrazioni – come scritto letteralmente nell’accordo di conferma del gemellaggio letto e sottoscritto dai due sindaci - i cittadini, le associazioni e i raggruppamenti culturali di Fermo e di Ansbach sono invitati e si impegnano per il futuro a concorrere e sostenere attivamente il gemellaggio tra le due città”. Il civico consesso, aperto dalle note degli inni nazionali cantati dalla soprano Stefania Donzelli, accompagnata al pianoforte dal M° De Blasis, ha visto in apertura l’intervento del Presidente del Consiglio Comunale Lorena Massucci che ha sottolineato “lo spirito collaborativo che contraddistingue le città di Fermo e di Ansbach, la loro voglia di interagire e di cooperare insieme per il raggiungimento di obiettivi condivisi ed in grado di far crescere le due comunità, continuiamo su questa strada così che le due città possano celebrare ancora altri decenni di amicizia”.

Quindi il Sindaco Calcinaro ha ricordato “l’impegno tutto l’anno delle due associazioni Amici di Ansbach, presieduta da Francesco Gismondi e Amici di Fermo e del Fermano, guidata da Christian Enghardt per rendere vivo e forte questo gemellaggio”. Ha ricordato che “le due comunità sono state accomunate da un’incredibile casualità, scosse a luglio da due fatti gravi, legate da un incredibile filo rosso, anche se da angolazioni diverse, su una tematica che sta angosciando l’Europa, la quale non sta dando una risposta univoca. Auspico che questo gemellaggio sia da stimolo ai nostri giovani a scoprire quanto è bella l’Europa unita, quanto è bello viaggiare, fare scambi culturali e conoscere le culture di altri paesi. Per loro dobbiamo rendere il gemellaggio più forte” – ha concluso.

“Ricordo con piacere le celebrazioni a luglio per il decimo anniversario del gemellaggio alla presenza del vicesindaco Trasatti, della Cavalcata dell’Assunta e di tanti fermani – ha detto il Sindaco di Ansbach Carda Seidel – gemellaggio avviato nel 2005 dall’allora sindaco Di Ruscio e dal mio predecessore Felber, che è poi stato istituzionalizzato nel 2006. Un gemellaggio favorito anche dall’interesse del nostro territorio per la vostra economia calzaturiera. Quello che conta è l’amicizia fra i popoli, i gravi fatti di luglio ci hanno resi più forti e più uniti, dalle nostre diversità ci siamo arricchiti a vicenda. Lavoriamo insieme per rendere il gemellaggio sempre più duraturo e sempre più consolidato”. Al termine scambio dei doni e ricevimento in Piazza offerto dall’associazione fermana “Amici di Ansbach”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2016 alle 10:24 sul giornale del 10 ottobre 2016 - 762 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aB7c





logoEV