Calcio: la Fermana blocca il San Marino, uno a zero per i gialloblù

10/10/2016 - Marolda realizza al 10' del secondo tempo.

“Il coraggio non trema”, recitava la maglia regalata al giocatore della Fermana Petrucci, originario delle zone terremotate, dall’Assessore Camacci dell’Amministrazione di Arquata del Tronto, presente allo stadio insieme al sindaco Calcinaro e all’Assessore Scarfini per la giornata dedicata dalla città di Fermo alla solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma. Un simbolico scambio di doni con il Presidente Simoni a centrocampo prima del fischio d’inizio, mentre i Settori Giovanili del territorio percorrevano in divisa il giro d’onore dello stadio, è stato il degno prologo di un match molto atteso tra due formazioni destinate a recitare un ruolo importante in questo campionato.

“Il coraggio non trema”. E non tremava di certo la bandiera Roberto Avanzolini quando con i suoi gol portava in alto i colori gialloblù: anche per lui, che non è voluto mancare in questo giorno così importante, il giusto tributo nell’immediato pre-gara, quando, insieme al Presidente dell’Associazione Solo Fermana, Gianluca Leoni, ha guadagnato il centrocampo e ha ricevuto in ricordo di questa giornata un pallone autografato da tutti gli atleti canarini. “Il coraggio non trema”. Un bellissimo monito, di cui fare immediatamente tesoro. Non ha tremato infatti il grande cuore gialloblù, che con Tommaso Marolda subito a segno nella sua prima al “Recchioni”, ha superato di misura anche il quotato San Marino.

Continua dunque a sognare alle spalle della coppia di testa Agnonese – Vastese (oggi vittoriose rispettivamente con il Chieti la prima e sorprendentemente in casa del Matelica la seconda) il team di Mister Destro, che tra sette giorni a domicilio riceverà la visita del Monticelli prima di partire verso la tana della co-capolista molisana. La cronaca. Non è stata una passeggiata battere i titani.

I canarini ci sono riusciti sfoggiando una prestazione importante e non lesinando un grammo di impegno, vogliosi di riscattarsi davanti al proprio pubblico che per tutti i 90’ non ha mancato di far sentire il proprio affetto, con cori, striscioni e colori da pelle d’oca. Il tecnico piemontese si affida allo stesso modulo di Chieti: nel 4-4-2 iniziale Cremona e e Marolda sono i punti di riferimento in avanti, in mediana la grinta di Misin e Urbinati viene supportata dagli estrosi Petrucci e Russo sugli esterni. “Abbiamo fatto una buona gara, lottando tutti su ogni pallone fino al triplice fischio – ha dichiarato il Mister in sala stampa - creando tante situazioni che potevano essere meglio concretizzate: qualche volta abbiamo peccato di egoismo, mentre è sempre meglio chiudere prima gli incontri, che altrimenti potrebbero essere compromessi da un episodio sfortunato”. Non ha comunque corso rischi particolari la porta canarina difesa da Valentini: gli ospiti hanno collezionato esclusivamente una messe di calci d’angolo, senza di fatto mai impensierire la retroguardia locale, che ha concesso pochissimo.

La Fermana è stata invece più volte pericolosa in avanti, specie in ripartenza: è Urbinati a confezionare per Marolda un assist al bacio, che il biondissimo attaccante al 10’ della ripresa spedisce deliziosamente alle spalle di un ottimo Dini (da applausi la parata sulla splendida girata a volo di Russo al 26’ della ripresa, così come nella prima frazione gli interventi sullo stesso numero 9 e sul sempre insidioso Petrucci). Finisce tra gli applausi la domenica dei canarini: un risultato importante, ma soprattutto una giornata da serbare nei ricordi più cari per il grande impegno di tutte le componenti ed il bel messaggio di solidarietà e sana passione trasmesso alle giovani leve presenti al “Recchioni”.

La cronaca

Prima frazione

2': di poco out il piazzato di Petrucci.

4': Dini raccoglie facile il corner di Marolda

7': Cremona per poco non riesce ad approfittare di un ghiotto cross di Petrucci.

9': vola Dini a deviare in corner il bel colpo di testa di Marolda.

11': Valentini blocca in due tempi la punizione di Mazzotti.

16': Russo da calcio fermo pesca la testa di Comotto, incornata out di pochissimo.

22': protesta la Fermana per un atterramento di Russo in area.

24': Cremona approfitta di un errato disimpegno e calcia in porta, Dini c'è.

28': Valentini intercetta il colpo di testa di Olcese.

32': il tacco di Urbinati non impensierisce Dini.

40': Dini dice no a Petrucci.

42': Russo si beve Borghini sulla sinistra e crossa in mezzo, nessuno approfitta.

45': non si perfeziona il triangolo Petrucci-Marolda.

Seconda frazione

10': GOL!! Marolda dopo un lungo rilancio in contropiede trafigge Dini.

22': Dini agguanta la punizione di Molinari dai 30 metri.

26': splendida girata al volo di Russo, si esalta in corner Dini.

32': alta la punizione di Gagliardi.

38': Valentini in tuffo su Borghini.

39': out il pallonetto di Russo.

44': Dini dice no al tiro dalla distanza di Molinari.

FERMANA (4-4-2): Valentini, Maghzaoui (16' Tristano), Ispas, Misin, Comotto, Bossa, Petrucci, Urbinati, Marolda (27'st Mariani), Cremona (9'st Molinari), Russo. Allenatore: Flavio Destro. A disposizione: Polverino, Forò, Omiccioli, Mane, Margarita, Marti.

SAN MARINO (4-3-3): Dini, Borghini, Nicoli, Bova, Mazzotti (29'st Caprioni), Arrigoni (20'st Gagliardi), Cenci, De Lucia, Olcese (36'st Guidi), Buonocunto, Baldazzi. Allenatore: Filippo Medri. A disposizione: Venturini, Fagioli, Zamagni, Tola, Braccini, Enchisi.

ARBITRO: Sig. Davide Di Marco della sezione di Ciampino.

ASSISTENTI : Sig. Antonio Alessi della sezione di Teramo e Francesco Ciancaglini della sezione di Vasto.

RETE 10'st Marolda.

AMMONITI: Mazzotti, Cremona, Bossa, Tristano e Borghini (20'pt, 23'pt ,43' pt, 31' st e 43' st gioco falloso).

CORNER: 5-13.

RECUPERO:1'+4'.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-10-2016 alle 09:20 sul giornale del 10 ottobre 2016 - 421 letture

In questo articolo si parla di sport, san marino, fermana calcio, marolda

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aB8E





logoEV