Fermo, entra nel vivo il progetto "Era Domani" per 32 richiedenti asilo e rifugiati

04/10/2016 - Sarà il primo progetto seguito in via sperimentale nelle Marche, uno dei primi in Italia, quello che vedrà nei primi mesi del prossimo anno 32 richiedenti asilo e rifugiati venire accolti in alcune famiglie di Fermo.

Un percorso di accompagnamento verso l’autonomia per persone che provengono da luoghi martoriati da guerre e da situazioni di vita profondamente disagiate. Per loro si tratta della seconda fase nel percorso di integrazione, dopo essere arrivati in Italia ed essere stati ospiti in strutture di prima accoglienza.

Il progetto, denominato “Era domani”, finanziato dal Ministero dell’Interno per le annualità 2016-2017 – Fondo nazionale per le politiche ed i servizi dell’asilo, è rivolto a richiedenti asilo e rifugiati cui vengono garantiti servizi nell’ambito dell’accoglienza e dell’integrazione (come l’inserimento abitativo e la copertura di bisogni primari; l’alfabetizzazione e la scolarizzazione; la mediazione linguistico/culturale; le attività di mediazione di comunità, multiculturali, di promozione, sensibilizzazione e formazione circa le tematiche del diritto di asilo) e nell’ambito della tutela (orientamento e tutela legale, sanitaria e psicologica).

“Una mèta che questa Amministrazione voleva raggiungere – ha dichiarato nel corso della presentazione l’Assessore ai Servizi Sociali Mirco Giampieri – è la prima volta che il Comune di Fermo aderisce ad un tale progetto che è di notevole importanza sociale”. “Ritengo che sia molto importante la rete che enti locali e associazioni creano per mettere in campo azioni di protezione e di accoglienza – ha affermato il vice sindaco Francesco Trasatti – questo progetto è un ulteriore tassello del lavoro portato avanti fino ad ora e dei binari su cui ci stiamo muovendo in tal senso, vedi, per fare alcuni esempi, arte e integrazione con Mus-e a dicembre, i progetti portati avanti nell’ex Cops, un libro fotografico nell’ambito del Premio Volponi”.

“Fa molto piacere che il Comune abbia deciso di aderire alla rete Sprar – ha aggiunto Alessandro Fulimeni, responsabile dei progetti Sprar della Cooperativa Sociale Nuova Ricerca Agenzia Res che gestisce il progetto – questo progetto, che è partito a Parma, non fa assistenzialismo ma fornisce gli strumenti per l’autonomia e l’inclusione sociale e lavorativa”. “Con Era domani l’accoglienza è multidisciplinare – ha dichiarato Maria Jolanda Dezi del gruppo di lavoro che curerà il progetto, di cui fanno parte Gianluca Del Papa, Marco Milozzi, Michele Marchetti, Cristina Girotti e Cristina Menghi – con questo progetto viene favorito, grazie alla collaborazione ed il dialogo con le associazioni, l’inserimento lavorativo, sociale e abitativo”.

Famiglie di Fermo e rifugiati di tutto il mondo costruiranno insieme una civiltà dell’accoglienza. Il progetto SPRAR “Era Domani” del Comune di Fermo recepisce il successo di una recentissima sperimentazione nazionale nell’ambito SPRAR relativa all’accoglienza in famiglia.

La riflessione che ne è alla base parte dalla possibilità di stringere un nuovo patto, una nuova relazione significativa coniugando la buona volontà, la disponibilità e il calore umano della famiglia, che di per sé non è in grado di dare risposte ai bisogni giuridici, sociali, sanitari di un richiedente asilo. Le famiglie coinvolte portano le loro motivazioni, la loro storia, il loro tessuto di relazioni sociali, le loro amicizie e i loro rapporti di vicinato, nonché la concretezza di un agire volto a contrastare l’egoismo sociale e a praticare percorsi autentici di rafforzamento del legame sociale. Le famiglie residenti a Fermo verranno selezionate in collaborazione con i Servizi Sociali del Comune di Fermo, in base a criteri specifici: motivazione ed aspetti logistici dell’abitazione. Alla famiglia verrà erogato un contributo mensile di euro 500 per l’ospite accolto. L’Ente gestore provvederà alla formazione e alla preparazione all’accoglienza delle stesse.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2016 alle 20:34 sul giornale del 05 ottobre 2016 - 1009 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, immigrazione, integrazione, Comune di Fermo, SPRAR

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBWk





logoEV