Porto Sant'Elpidio, tema sicurezza: "amministrazione sorda e cieca", l'affondo di Balestrieri

01/10/2016 - "Una sicurezza lasciata un po' al caso in questi anni al palazzo del municipio; adesso si deve correre ai ripari" dichiara il consigliere comunale ed esponente politico dei Fratelli d'Italia.

Intervento da parte di Andrea Balestrieri, esponente politico dei Fratelli D'Italia e consigliere comunale. Ritorna sul tema della sicurezza, tema caldo nelle ultime ore visti i numerosi furti registrati negli ultimi giorni.

"I ladri in comune segnano l' apice di un modo di gestire la sicurezza totalmente errato e approssimativo; è ora di spingere l' acceleratore sulla questione sicurezza e con fermezza torno a proporre a Sua Eccellenza il Prefetto di Fermo di istituire presso la sede della prefettura un centro operativo che possa racchiudere tutte le unità logistiche del territorio e quindi controllare nel giro di pochi secondo tutto il territorio fermano. Sono tornati i carabinieri sul territorio costiero e di questo ne sono felice ma ancora tanto c'è da fare magari integrando come in passato anche le forze di polizia che attualmente sono concentrate solamente a Fermo.

A chi a sinistra dice sempre che questa città non ha bisogno di sceriffi, io rispondo che gli uomini in divisa carabinieri poliziotti e finanzieri servono per garantire la giustizia per il nostro stato, i soldi investiti dal Governo o dalle Regioni per potenziare il comparto sicurezza sono spesi bene. Questa purtroppo è una amministrazione sorda e cieca nell´andare a cercare delle soluzioni per migliorare la sicurezza della nostra città, a questo punto mi chiedo: quali sono i progetti studiati e presentati dall´amministrazione comunale per la sicurezza del nostro territorio?

Ad oggi la mia risposta è nulla; l`immobilismo continua per chi si dimostra insensibile su questo argomento; io sento il dovere come consigliere comunale che della sicurezza ne faccio uno dei problemi principali di criticare la politica di questa sinistra e del relativo assessorato che nulla fanno per trovare dei nuovi strumenti e dei progetti su questo settore.

L'assessore Vallesi che ha il dovere sacrosanto di informare i propri cittadini su cosa avviene in città non dice una parola né come una persona riesca in pieno giorno a trovar modo di entrare indisturbato in comune senza essere visto da nessuno e magari oltre a compiere atti vandalici sottrarre documenti e comunque atti con dati sensibili, né dice nulla di bande criminali che per mesi entrano ed escano dalla nostra città. Trovo grave che dei balordi possano compiere atti anche più gravi di quelli fatti domenica con conseguenze molto più preoccupanti; trovo altresì molto grave che in un comune dove sono conservati tantissimi documenti di tutti noi siano con facilità a rischio furto, o soggetti ad atti vandalici.

Propongo oltre alle telecamere poste nel retro degli ingressi del comune di installare un impianto di allarme che possa essere collegato con le forze di polizia; se non riusciamo a proteggere la casa comunale come possiamo pretendere di andare nei quartieri e parlare di sicurezza quando a tutte le ore e tutti i giorni assistiamo a scende come quelle di domenica scorsa dei ladri in comune.

La sicurezza oggi in questo momento di grande disagio sociale deve essere una priorità non solo per la politica nazionale ma anche a livello locale, noi politici abbiamo il dovere di chiedere di investire più risorse del bilancio dei nostri comuni per la sicurezza dei cittadini che pagano le tasse, che lavorano e studiano onestamente."






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2016 alle 07:38 sul giornale del 03 ottobre 2016 - 1979 letture

In questo articolo si parla di sicurezza, politica, porto sant'Elpidio, fratelli d'italia, andrea balestrieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBOy