Il gran finale per "Clown&Clown Festival 2016", tutti in piazza per "Rimbalzi di Gioia"

02/10/2016 - La XII Edizione del Clown&Clown Festival arriva alla sua giornata conclusiva, con una grande partecipazione di artisti, pubblico e stampa in una maratona di incontri, workshop, esibizioni ed artisti internazionali che culminerà col tradizionale grande evento di piazza "Rimbalzi di gioia... in un abbraccio che vale", presentato da Marco Maccarini e con gli interventi di Natasha Stefanenko, Enzo Polidoro, Didi Mazzilli, Piero Massimo Macchini ed altri artisti. Dopo aver consegnato il “Premio Clown nel Cuore” a Flavio Insinna e a Dario Ballantini, il Festival si concluderà con la consegna del Premio ad Andrea Caschetto, ragazzo 26enne divenuto esempio di resilienza e “ambasciatore del sorriso” negli orfanotrofi di tutto il mondo, in seguito ad una operazione per un tumore al cervello che gli ha portato via la memoria a breve termine.

Si apre l’ultima giornata del 12^ Clown&Clown Festival. Tra workshop ed incontri, esibizioni e spettacoli si arriverà all’evento conclusivo di questo Festival: “Rimbalzi di Gioia…in un abbraccio che vale!”. Le emozioni sono garantite dai tradizionali palloncini rossi che rimbalzeranno sopra la folla, ma anche dalle sorprese che ogni anno l’evento riserva. Un evento che ormai è diventato un appuntamento immancabile, ma che si rinnova ogni anno.

Quest’anno poi, il tema della XII Edizione del Festival è la resilienza e il termine “resilienza” deriva dal latino resilere, ovvero “rimbalzare, saltare indietro”: ciò significa che l’evento conclusivo acquista un nuovo e ancora più profondo significato. Resilienza è la capacità umana di reagire con progettualità alle avversità della vita, di rialzarsi nonostante le difficoltà. Il clown con il suo naso rosso vuole insegnare anche questo: a reagire alle avversità della vita, a ricostruirsi restando sensibili alla vita, senza perdere la propria umanità attraverso il sorriso. È il simbolo della resilienza del sorriso.

La giornata conclusiva del XII Clown&Clown Festival inizia presto, con tanti incontri che terranno occupato il variopinto pubblico accorso nella Città del Sorriso. Si comincia con la Certificazione Internazionale “Leader di Yoga della Risata” e si prosegue con i workshop tenuti da Alfonso, affezionato amico della Città del Sorriso, e quello sulla costruzione del Naso Rosso a cura di Guido Nardin, fino all’Assemblea Nazionale della Federazione Nazionale Clown Dottori, che coinvolgerà tutti gli associati su scala nazionale.

Sempre nel corso della mattinata, si inizieranno a tirare le somme, consegnando due importanti premi alle 10.30 in Piazza Aldo Moro: il premio della prima edizione del concorso fotografico “ScattiAMo il Sorriso” e il Premio Takimiri 2016, al vincitore di The ClownFactor, il reality dedicato al mondo dei clown e della clownerie.

Alle 11.30, l’AperiClown che si svolgerà all’interno del tendone da circo GalizioTorresiCircus, sarà occasione di ulteriore riflessione sulla resilienza, tema portante di questa XII Edizione del Festival. L’Associazione Clowncare “M’Illumino d’Immenso” porterà la testimonianza del suo operato a Gaza e nello Saharawi; la Commissione Nazionale Attività di Clownerie della Croce Rossa Italiana racconterà delle attività in corsia; Alfonso e Gabo porteranno i loro racconti come volontari all’interno dei campi profughi.

Dal primissimo pomeriggio, invece, si dà il via a una lunga e divertente staffetta di spettacoli in cui si passeranno il testimone tante Compagnie Internazionali di Artisti di Strada che animeranno le vie e le piazze del Centro Storico della Città del Sorriso, fino ad arrivare alle 18, quando si aprirà l’emozionante ed imperdibile evento conclusivo del Festival “Rimbalzi di Gioia…in un Abbraccio che Vale”. Presentato da MARCO MACCARINI e con gli interventi di NATASHA STEFANENKO, Enzo Polidoro, Didi Mazzilli, Piero Massimo Macchini, Ugo Sanchez Jr., Andrea Fidelio .

L’evento vedrà la piazza riempirsi di palloncini colorati che rimbalzano sulla folla. Ci sarà spazio anche per tante sorprese a cui l’evento ci a abituati ogni anno. A seguire, verrà consegnato l’ultimo Premio: “Clown nel Cuore 2016” ad andrea caschetto, simbolo ed esempio di resilienza.

ANDREA CASCHETTO è un ragazzo ventiseienne di Ragusa che all’età di 15 anni è stato operato per un tumore al cervello che gli ha causato la perdita della memoria a breve termine, gira il mondo dal 2006 come ambasciatore del sorriso negli orfanotrofi di mezzo mondo ed è stato invitato a fare un discorso all'assemblea dell'Onu, nel Palazzo di vetro di New York, in occasione della Giornata della felicità lo scorso 20 marzo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2016 alle 09:02 sul giornale del 03 ottobre 2016 - 1302 letture

In questo articolo si parla di attualità, monte san giusto, clown clown festival

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBPJ