Montegranaro: i nodi del centro storico al centro di un confronto con l'associazione Città Vecchia

montegranaro 5' di lettura 10/03/2016 - Si è svolto la scorsa settimana un incontro tra gli Assessori Giacomo Beverati, Roberto Basso ed il direttivo dell'associazione Città Vecchia.

“Si è trattato di un confronto molto importante – spiega Beverati – incentrato su aspetti concreti anche grazie all'ausilio di slides da parte della stessa associazione e di interviste ad alcuni residenti. Per quanto ci riguarda, abbiamo ribadito una piena collaborazione, soprattutto in virtù del grande impegno dimostrato da Città Vecchia in tanti anni di attività. La nostra presenza in un'area fondamentale come quella del centro storico non è mai venuta meno, ma per ottenere risultati ancora più tangibili occorrerà proseguire con maggior determinazione, anche attraverso iniziative come quelle dell'acquisizione degli appartamenti ad 1 euro. A tal proposito, la scorsa settimana è stato firmato il rogito tra il cessionario di un immobile di oltre 300 mq ed il nuovo proprietario, che si impegna a restaurare l'immobile in 3 anni, impegno garantito da un'apposita polizza fidejiussoria di 10.000 euro di cui il Comune è beneficiario. I soggetti sono stati selezionati dal Comune tramite apposito bando nell'estate scorsa, quindi si tratta del primo passo concreto per il recupero dell'edificio. I lavori dovrebbero iniziare entro l'estate, a seguito della presentazione del titolo edilizio da parte del nuovo proprietario. E' un'esperienza, questa della vendita ad 1 euro, che ne ricalca altre importanti sviluppatesi negli ultimi anni in Italia e non solo”.

“Siamo convinti – conclude Beverati - che per ridare slancio al centro storico occorra che una continua attività di pulizia, un lavoro sulle residenze, la verifica delle impalcature, l'abbattimento degli oneri sugli appartamenti, la rimodulazione dell'occupazione di suolo pubblico, l'approvazione di un regolamento per il decoro urbano e, soprattutto, un diffuso rispetto delle regole vadano assolutamente di pari passo”. “Dalla prossima settimana – comunica l'Assessore Basso – partirà una campagna massiva per pulizie e piccole manutenzioni, oltre ad iniziative per limitare i problemi causati dalla presenza di piccioni. Il nostro è un impegno importante, che passerà in prima istanza attraverso una sensibilizzazione sul nuovo sistema di raccolta differenziata. In questi mesi abbiamo lavorato ad una serie di azioni incisive, cercando di organizzare all’interno del nuovo bando di raccolta rifiuti anche un programma concreto di pulizie del centro. Inoltre, mentre stiamo predisponendo un regolamento per il decoro urbano, siamo quasi in dirittura d'arrivo sull'inserimento del baratto amministrativo nel regolamento comunale, da attuarsi con una serie di progetti sperimentali”.

“Il nostro centro storico è abbandonato da decenni – aggiunge Andrea Franceschetti, presidente di Città Vecchia – ed invertire il trend negativo non è oggettivamente possibile in pochissimo tempo. Ma ripartire da pulizia e rispetto delle regole è sicuramente un passo cruciale. Abbiamo voluto questo incontro per cercare di affrontare i veri nodi di questa zona, consapevoli da un lato che canalizzare le energie in sterili polemiche non sia di alcun aiuto, dall'altro che oggi fare richieste onerose ai Comuni sia impensabile sapendo in quali cattive acque navighino gli enti pubblici. Abbiamo, quindi, aperto un tavolo di discussione che proseguirà settimana dopo settimana, con il contributo di tutte le parti in causa”. Alle riflessioni di Beverati, Basso e Franceschetti si aggiunge quella del Sindaco Ediana Mancini, che fa il punto sull'impegno della sua Giunta in questo primo anno e mezzo di amministrazione.

“Gran parte degli investimenti sono stati destinati al centro storico – rimarca – come ad esempio per il Teatro La Perla, per Viale Gramsci e per il consolidamento della collina in frana. Si tratta di circa 600.000 euro già spesi per situazioni che andavano risolte con la maggiore celerità possibile. Siamo però consapevoli che tanto ancora c'è da fare e proprio per questo riteniamo Città Vecchia un interlocutore autorevole e capace di relazionarsi con serietà e propositività. Lavorando insieme cercheremo di mettere in campo quelle azioni che diano risultati duraturi nel tempo e risolutivi”. Altro nodo resta quello delle case popolari nell'ex ospedale. “Stiamo inoltrando una richiesta alla Regione per poter rimborsare le spese sostenute per il recupero dei 3 alloggi. E' pacifico che, pur consapevoli che nel recente passato è stata fatta un'operazione sciagurata con un'ala che andava lasciata libera, oggi non possiamo in alcun modo bloccare le graduatorie. Sono già 7, infatti, gli appartamenti consegnati, ma stiamo cercando di risolvere il problema di quegli appartamenti che insistono sopra spazi di pubblica utilità per rendere questi ultimi pienamente fruibili dalla cittadinanza”.

E mentre prosegue “la cura di un malato grave come il centro storico”, l'analisi del Sindaco si sposta anche verso altri quartieri, dove si comincia a fare i conti con opifici dismessi, locali sfitti ed immobili che necessitano di interventi di restauro. “La nostra era e rimane una visione complessiva della città, che tocca tutti i quartieri, con una costante ricerca di soluzioni comuni alle problematiche più urgenti. Si tratta di un processo complicato, di durata decennale, ma sul quale l'attenzione della Giunta e di tutta la struttura comunale non verrà mai meno. Perchè alle chiacchiere ed alle polemiche continuiamo a preferire il lavoro quotidiano ed i fatti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2016 alle 18:52 sul giornale del 11 marzo 2016 - 1705 letture

In questo articolo si parla di politica, Comune di Montegranaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auHY





logoEV
logoEV