Fermo: processo Casa di Alice, la testimonianza drammatica dell’autista del pulmini sui maltrattamenti ai minori

Casa di Alice Grottammare 18/11/2015 - Testimonianze drammatiche quelle dell’udienza odierna al tribunale di Fermo. I fatti sono quelli relativi alla struttura per ragazzi autistici ospitati a Casa Alice dove sarebbero stati maltrattati alcuni ragazzi dagli educatori del centro.

Oggi, mercoledì 18 novembre, è stato ascoltato l’autista che guidava il pulmino che accompagnava i ragazzi dal centro alle loro abitazioni. ”Ho visto personalmente il Colucci chiudere a chiave utenti nella stanza azzurra con doppia mandata di chiave" queste le parole choc pronunciate dall'autista del pulmino di Casa di Alice.

“Oltre a questo – ha affermato l’autista - ho visto due episodi di violenza un calcio ed uno schiaffo dato da due educatori a due ragazzi disabili minorenni; in occasione del calcio il ragazzo ha pianto tanto per il dolore”.

E’stato ascoltato anche Benedetto Di Gianfilippo presidente dell' Omphalos. Di Gianfilippo ha osservato che per capire i fatti successi a Casa Di Alice bisogna tornare indietro di almeno due anni, quando un’educatrice Alessandra Spina agiva in modo violento. Verso la fine del 2013 Di Gianfilippo fu contattato dall'autista del pulmino e fu li che l'autista gli raccontò di nuovi problemi all’interno centro, anche dopo l'allontanamento di Alessandra Spina. Fu da qual momento che partirono le indagini dei carabinieri, che hanno portato agli sviluppi recenti e l’arresto degli educatori ora sotto processo.


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2015 alle 23:09 sul giornale del 19 novembre 2015 - 1432 letture

In questo articolo si parla di cronaca, comune di San Bendetto del Tronto, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqB3