Basket: il derby alla Poderosa Montegranaro, 71-60 con l'Ecoelpidiense Stella Porto Sant’Elpidio

basket generico 09/11/2015 - Una vittoria meritata, ma che brividi nel finale. La Dino Bigioni Shoes batte con merito l’Ecoelpidiense Stella Porto Sant’Elpidio rischiano di sciupare nel finale un vantaggio che aveva toccato le 25 lunghezze ma alla fine portano a casa un derby che ha riempito di calore la Bombonera.

I gialloneri ringraziano ancora una volta la lucidità nel finale di Di Trani ma anche le ottime prove di un Sanna pressoché perfetto nel primo tempo (dove realizza 12 dei suoi 14 punti) e il tandem Rosignoli-Trionfo incisivo su entrambe le metà campo. Senza dimenticare un Fabi che ha spento l’emozione a suon di triple, un Gatti al solito chirurgico e un Rossi stoico nel finale a rientrare sul parquet nonostante un dolore ad un ginocchio.

La Poderosa mette in chiaro le sue intenzioni sin dall’avvio. Un 8-0 marchiato a fuoco da due liberi e una tripla di Sanna mettono il match subito nelle mani dei padroni di casa, anche perché Porto Sant’Elpidio fa uno stillicidio in attacco. Palle perse (addirittura 14 a metà gara) e scelte poco oculate non si contano, i biancoazzurri sembrano paralizzati. Tortù li scioglie mettendoci almeno un po’ di intensità, ma la Dino Bigioni dà un’altra spallata sul finire del primo periodo e allunga fino al +11 (24-13 al 10’) con un Sanna imprendibile per la difesa portoelpidiense. Esordisce Del Brocco per Porto Sant’Elpidio ma la musica non cambia nel secondo periodo. Anzi. Porto Sant’Elpidio si sbatte e lotta sotto canestro, ma spreca di tutto per cui alla Poderosa bastano maggiore ordine e buone percentuali per prendere il largo. La seconda tripla di Fabi spinge la Dino Bigioni fino al +20 (35-15 al 16’) poi la Poderosa si rilassa un po’ e l’Ecoelpidiense accorcia, chiudendo la prima metà di gara sotto di 16 (39-23).

La squadra di coach Steffè forse crede di averla già chiusa e al rientro dagli spogliatoi non riesce a incidere soprattutto in attacco. La difesa, invece, continua a stringere nelle sue spire una Porto Sant’Elpidio per la quale ogni canestro è un parto gemellare. Gli ospiti, sorretti da Tortù, si avvicinano fino al -14 (43-29 al 25’), poi lo strappo che pare quello decisivo. La Dino Bigioni firma una break di 11-0 e vola a +25 sul finire del terzo periodo (54-29), facendo credere ai più che la gara fosse chiusa. Niente di più sbagliato.

I veregrensi alzano troppo presto il pedale dall’acceleratore, coach Schiavi pesca dalla panchina il jolly Caridà, che con 11 punti in 10’ spinge l’Ecoelpidiense a una rimonta che avrebbe dell’incredibile. I biancoazzurri tirano fuori un quarto da 31 punti dopo averne realizzati appena 29 nei primi 30’ e tornano minacciosi fino al -6 con la tripla dell’ex dal dente avvelenato Lorenzo Andreani (66-60 a 1’24”). La freddezza di Di Trani, però, scaccia gli incubi dalla lunetta, Porto Sant’Elpidio finisce la benzina e la Poderosa fa suo il derby per la terza volta consecutiva, mantenendo così la vetta della classifica del girone D.

Queste le parole di coach Steffè a fine partita: “Abbiamo fatto tre quarti molto efficaci a livello difensivo, giocando con molta attenzione ai particolari. Sapevamo che loro sono bravi a giocare con intensità, a spingere in transizione e a giocare sul pick and roll, nel quale sapevamo di non voler concedere il tiro da tre punti ad Andreani. Molto bene anche sui cambi difensivi in post basso, ma tutto questo lo abbiamo fatto per tre quarti. Nel terzo quarto abbiamo iniziato a non muovere più la palla, non abbiamo più attaccato il contropiede. La cosa è poi diventata più evidente nell’ultimo quarto, dove purtroppo abbiamo commesso l’errore di aspettare che finisse la partita. Avevo chiesto alla squadra di vincere tutti i quarti, l’ultimo rischiava di rimettere in gioco la partita. Per fortuna è andata bene. Ho dovuto richiamare Rossi in panchina per un problema al ginocchio, ma è voluto rientrare nel finale per darci una mano, è stato un gesto di attaccamento che voglio rimarcare. Mi è piaciuto molto Rosignoli, che ha fatto una grande partita difensiva facendo esattamente quello che gli avevo chiesto. Bravo Di Trani a prendersi la squadra sulle spalle nel finale e sono felice della crescita di Sanna. È un ragazzo talmente intelligente che si sta evolvendo, ha capito che abbiamo bisogno di determinate cose da lui. Non le ha fatte per 40’, ma è sulla strada giusta. Non siamo ancora la squadra cinica che dobbiamo essere, avremo un’altra possibilità a Senigallia”.

DINO BIGIONI SHOES MONTEGRANARO – ECOELPIDIENSE STELLA PORTO SANT’ELPIDIO 71-60
MONTEGRANARO: Fabi 8, Sanna 14, Gatti 8, Rossi, Marzullo, Barbante ne, Broglia 2, Trionfo 12, Di Trani 16, Rosignoli 11. All.: Steffè.
PORTO SANT’ELPIDIO: Caridà 11, Torresi 4, Andreani 12, Boffini 3, Del Brocco 2, Rossi, Cavoletti ne, Vallasciani 9, Tortù 16, De Leo 3. All.: Schiavi.
ARBITRI: Alberto Perocco di Ponzano Veneto (TV) e Matteo Semenzato di Mirano (VE).
PARZIALI: 24-13, 15-10, 15-6, 17-31.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2015 alle 23:47 sul giornale del 10 novembre 2015 - 1132 letture

In questo articolo si parla di sport, poderosa montegranaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqeQ