Piano di difesa della costa marchigiana: ma al sud? La posizione di Fabiani

21/01/2015 - 'Come Dipartimento Sicurezza sul Lavoro di CGIL CISL UIL di Ascoli Piceno vogliamo esprimere il nostro parere positivo per l’approvazione da del Consiglio Regionale delle Marche della variante a difesa della costa.

Si tratta di realizzare lavori urgenti a difesa della costa, dell’ambiente, del ripascimento, degli assi viari e ferroviari oltrechè delle attività turistico balneari e della marineria che hanno una grande importanza socio economica per la ns. Regione.

Il piano (che era fermo al 2005) interesserà tutte le nostre coste con particolare riferimento ai comuni di Fano, Montemarciano, Porto Recanati, Potenza Picena, Civitanova Marche e Fermo.

Sarà a questo punto importante il ruolo degli enti locali per la rapida attivazione dei lavori così come l’eventuale utilizzo dei utilizzo dei fondi europei quali POR-FESR.

Riteniamo però che questo piano di interventi debba essere integrato con interventi anche per i comuni di Porto Sant’Elpidio, Marina Palmense e Grottammare al fine di tutelare anche questa parte sud della ns. Regione dall’erosione marina.'





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2015 alle 21:26 sul giornale del 22 gennaio 2015 - 900 letture

In questo articolo si parla di attualità, sindacati, ascoli piceno, uil pensionati, comune di Grottammare!comune di Cupramarittima