Vivere a 4 Zampe: ecco il pranzo di Natale più bestiale del web

Vivere a 4 Zampe, video spot natalizio 21/12/2014 - A spassarsela sono tredici cani ed un gatto, tutti riuniti intorno ad un tavolo apparecchiato a festa, per consumare 'umanamente' un sontuoso banchetto.

La deliziosa clip è uno spot pubblicitario natalizio di un produttore americano di cibo per animali, ma i cani ed il gatto mostrati sono quattordici ospiti di un rifugio della Humane Society nello Utah. Un modo davvero speciale con cui l'associazione di volontariato per il benessere degli animali ha voluto presentare questi ospiti ed in seguito al quale ha notato un sensibile incremento delle adozioni.

Un dato importante con il quale ci si augura non venga più praticata l'abitudine di comprare animali da regalare, a meno che la decisione non sia già stata presa in modo oculato e quella del regalo sia solo uno speciale espediente per accogliere in casa il nuovo arrivato. In tutti gli altri casi, il fiocco mettiamolo ai pacchetti e non ad un cucciolo: la scelta di avere un cane o un gatto deve essere presa da chi poi dovrà mantenerlo per tutta il resto della sua vita.

"L'invito a tutti è quello di non comperarli, ma di adottare cani e gatti nei gattili e nei canili - afferma Lorenzo Croce, presidente nazionale di Aidaa - e se proprio non si può fare a meno di comperare un cucciolo, l'invito è di acquistarlo da un allevatore dopo aver visto l'animale e aver stipulato un contratto regolare".


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it







Questo è un articolo pubblicato il 21-12-2014 alle 00:47 sul giornale del 22 dicembre 2014 - 1451 letture

In questo articolo si parla di attualità, canile, adozione, cani, gatti, pranzo di natale, cena di natale, articolo, Arianna Baccani, vivere a 4 zampe

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adeH

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere a 4 zampe


inzana salvina

21 dicembre, 21:43
Il pollo che troneggia in mezzo alla tavola è un dettaglio, non da poco, spiacevole. Un pranzo vegetariano avrebbe rappresentato uno spot rispettoso di tutti gli animali. Peccato.




logoEV