Docenti e presidi da Germania, Austria, Islanda e Norvegia in visita per il progetto Comenius CoTTas

07/10/2013 - Circa 30 tra docenti e presidi provenienti da Germania, Austria, Islanda e Norvegia sono stati ricevuti dal Presidente Fabrizio Cesetti, dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Buondonno e dall’Assessore al Turismo Guglielmo Massucci.

La visita rientra nel Progetto europeo Comenius CoTTas (Developing a Culture of Teacher Training at School), al quale partecipa anche il Liceo Scientifico “T.C. Onesti” di Fermo. Obiettivo del progetto è la qualificazione degli insegnati attraverso lo scambio di esperienze e strategie di gestione della conoscenza tra scuole europee, incluso il confronto con i diversi sistemi di istruzione nazionali.

Il tema dell’incontro nel nostro territorio riguarda le strategie didattiche da attivare per promuovere e sollecitare una maggiore capacità di astrazione passando attraverso l’esperienza interiorizzata del singolo alunno, la formazione sulle difficoltà di apprendimento (D.S.A.) con lo sviluppo di strategie e metodologie specifiche, fino alla creazione di moduli didattici per la riorganizzazione delle varie fasi di costruzione del sapere.

Gli ospiti, arrivati nella giornata di domenica, resteranno fino a giovedì 6 ottobre e dopo Smerillo, Montefalcone Appennino e Monte San Martino, visiteranno anche le città di Fermo, di Ascoli Piceno e gli outlet dell’area calzaturiera fermana. “Lo scambio tra diversi Paesi - commenta il Presidente Cesetti - è finalizzato ad una maggiore integrazione e rappresenta, perciò, una grande occasione di confronto tra docenti.

Oggi più che mai l’interculturalità rappresenta un elemento cruciale, sia all’interno delle scuole, sia nel rapporto con altri partners comunitari e non solo. Quello che viene ospitato nel nostro territorio è il penultimo appuntamento del Progetto Comenius CoTTas, che precede l’atto conclusivo in programma nella prossima primavera a Vienna. Siamo onorati, quindi, di poter ospitare insegnanti e presidi, raccontando loro le bellezze storiche, artistici ed architettoniche che i nostri 40 Comuni e le realtà limitrofe custodiscono, valorizzando al contempo l’importanza della formazione delle nuove generazioni”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2013 alle 18:56 sul giornale del 08 ottobre 2013 - 1416 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/SLS