S.Elpidio 'Il Pd pensa solo alla poltrona', Terrenzi difende l'amministrazione

terrenzi rinaldi 07/01/2013 - “Si dicono stupiti e preoccupati per il futuro della città, sostengono che questa Amministrazione sia fallimentare e non abbia un progetto ma poi vengono a bussare a questa porta quando hanno bisogno di sostegno per le primarie.

Ho ricevuto personalmente diverse telefonate a tal proposito ed ho potuto constatare (non che avessi dubbi in merito, a dire il vero), che il metodo del Pd è sempre lo stesso: pensare alle poltrone prima che a tutto il resto. Il Pd dovrebbe essere un po’ più coerente: se siamo persone incapaci e fallimentari dovrebbero tenersi del tutto alla larga, non rivolgersi a noi solo per questioni di comodità!”. Esordisce con queste parole il Sindaco, Alessio Terrenzi, nel replicare ad una recente presa di posizione del Pd che critica l’operato suo e della sua Amministrazione.

“So bene qual è il ruolo di chi siede tra i banchi dell’opposizione, o della minoranza che dir si voglia anche perché è da lì che è iniziato il mio percorso politico ed accetto le critiche come ho sempre fatto – aggiunge – ma quando alle critiche, più o meno pertinenti, poi si alternano “corteggiamenti” di altro tipo, per meri scopi politici allora emerge l’effettivo spessore di chi ci punta il dito contro. Nessuno si è vantato di qualche centinaio di euro risparmiato, come vogliono far passare: abbiamo solo risposto ad una loro interrogazione in cui millantavano irregolarità di chissà quale tipo.

Il risparmio è stato effettivo ed anche se solo di qualche centinaio di euro è pur sempre un risparmio e fa parte di una revisione complessiva delle spese che, nell’insieme, siamo certi potrà portare ad una gestione più oculata della cosa pubblica. Poi ognuno può pensarla come vuole: servivano le luminarie per rendere più allegro un Natale che è stato farcito di tante iniziative per tutti, di momenti di aggregazione e solidarietà? Noi abbiamo fatto una scelta, ce ne siamo assunti le relative responsabilità e destinato il risparmio ottenuto (piccolo o grande che sia) alle famiglie in difficoltà. La decisione è stata inopportuna? Si è risparmiato poco, non è stato un gran risultato? Prendo atto del loro punto di vista”.

Carenza di idee? “Noi non avremmo idee secondo il Pd. Loro ne hanno avute talmente tante che l’elettorato non se n’è nemmeno accorto. Di idee ne abbiamo e siamo pronti a realizzarle, nei limiti di quanto le risorse di bilancio permetteranno di fare.

Con la messa a punto del nostro primo bilancio di previsione, per il quale stiamo lavorando, le nostre idee inizieranno a prendere corpo – aggiunge Terrenzi – e ricordo che in campagna elettorale, nel presentare il nostro programma, abbiamo sempre detto che si trattava di un programma a medio e lungo termine. Il Pd parla di opere pubbliche. stiamo verificando lo stato delle opere e lavorando per risolvere problematiche ereditate da loro, sia nel settore dei lavori pubblici ma anche in merito al bilancio.

Ci siamo ritrovati con un patto di stabilità che era al di fuori dei limiti: stiamo riportando ad una situazione reale ciò che reale, non certo per colpa nostra, non era. Per il Pd questo vuol dire fare poco? Punti di vista. Parlano poi di uffici senza dirigenti? Non è affatto così. Ma evidentemente fa più comodo dire il contrario. Così come fa comodo non dire che, all’epoca, il sindaco Mezzanotte ci mise dieci mesi a nominare un nuovo capoarea per l’area tecnica.

E poi vorrei sapere chi ha mai detto che la sede della Croce Azzurra dovrebbe andare al Montalto Nannerini. Noi no di certo. Si tratta di congetture, di ipotesi fatte non certo da noi. Se il Pd va dietro alle chiacchiere da bar faccia pure. A noi interessa amministrare. Tra cinque anni tireremo le somme così come lo farà la cittadinanza”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2013 alle 19:17 sul giornale del 08 gennaio 2013 - 1020 letture

In questo articolo si parla di politica, pd, critica, alessio terrenzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HXQ