Basket: con una prestazione magistrale la Sutor vince il derby a Pesaro (78-93)

sutor 01/01/2013 - Decisivo il largo vantaggio acquisito dai gialloblù nel primo parziale, alla Vuelle non basta un grande Barbour. Prossimo turno il 6 gennaio a Siena.

Dopo due stop consecutivi Montegranaro torna al successo e lo fa proprio nel derby in casa della Vuelle, confermandosi autentica bestia nera per i pesaresi. Al contrario prosegue la serie negativa della Scavolini arrivata a dieci sconfitte consecutive. A parziale scusante di Pesaro c'è l'infortunio occorso a Crosariol dopo appena 10 minuti di gioco, ma questo non può assolutamente diminuire i meriti degli uomini di coach Recalcati. Con questa vittoria la Sutor si lascia alle spalle tre squadre fra cui la stessa Pesaro, sola all'ultimo posto.

Dopo le prime schermaglie, la Sutor schizza via a razzo con i canestri degli scatenati Steele, Burns e Cinciarini e chiude il primo parziale avanti con un eloquente 15 a 32. Un divario talmente pesante che Pesaro, nonostante i tentativi di rimonta, non riuscirà mai a colmare del tutto. Infatti i padroni di casa, sospinti da un grande Barbour (alla fine 24 punti al suo attivo), sono riusciti ad avvicinarsi pericolosamente agli avversari in un paio di occasioni, senza mai però riuscire a completare l'inseguimento. in particolare i biancorossi di casa sono arrivati fino a -4 al 15° (34-38) e di seguito fino al 51 a 57 a circa metà del terzo parziale. Ma gli uomini di Recalcati hanno ripreso a macinare gioco e canestri mantenendo un buon vantaggio ed andando all'ultimo mini-intervallo su un rassicurante 55 a 71.

Negli ultimi 10 minuti Pesaro ormai non ci crede più e la Sutor può andare in tranquillo controllo, grande festa sulla gradinata occupata dai tifosi gialloblù e risultato finale fissato sul 78 a 93. Pesaro per risollevarsi dovrà lavorare tantissimo soprattutto alla ricerca dell'amalgama necessario ad una squadra che, visti i continui cambiamenti, non ha ancora un volto definitivo. In casa Sutor clima ben diverso e dove si può legittimamente brindare sia per la soddisfazione del risultato nel derby, sia per il sensibile miglioramento in classifica.

Festeggiamenti brevi perché il torneo incalza ed il giorno dell'Epifania si va a Siena in casa di quella Montepaschi che ieri ha perso a Venezia confermando che quest'anno non è imbattibile. Ma resta pur sempre uno squadrone.






Questo è un articolo pubblicato il 01-01-2013 alle 17:34 sul giornale del 02 gennaio 2013 - 651 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, ancona, Armando Lorenzetti, sutor

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HM9