Di Felice, appello al sindaco: 'I commercianti vanno ascoltati'

11/12/2012 - Il Pdl fermano aderisce alla protesta dei commercianti che vorrebbero un centro più accessibile ai visitatori in particolare in concomitanza con il produttivo periodo natalizio. Il centro destra vorrebbe maggiore ascolto per le richieste dei negozianti messe già a dura prova dalla crisi.

Così il capogruppo Pdl Mariantonietta Di Felice interviene sulla questione. “La riflessione del Sindaco in seguito all’ultima manifestazione di protesta dei commercianti del centro storico evidenzia che l’amministrazione non ha presente quali sono i suoi interlocutori: bollare come “espressione di singoli” la manifestazione della sera del 6 dicembre la dice lunga in merito. In Piazza c’erano quelli che tutti i giorni mettono in ballo i propri soldi, la propria professionalità e la voglia di continuare a svolgere il proprio lavoro a Fermo, in centro. E che ora si sentono presi in giro da questa amministrazione”.

Diverse le rivendicazioni dei commercianti che vanno in generale nella direzione di un maggiore accesso al centro cittadino oggi complicato da lavori e regole di viabilità. “Il cantiere della strada nuova”, osserva la Di Felice, “è partito con un ritardo di oltre un mese rispetto all’annuncio di inizio lavori ed elimina parcheggi preziosi così come l’apprezzata pista di pattinaggio”.

Nucleo della protesta è però l'accesso in piazza vietato alle auto, riguardo al quale la Di Felice propone almeno un ripristino parziale della viabilità. “Se è vero che che le auto in piazza sono anacronistiche e che non risolveranno il problema del commercio del centro, la richiesta di riaprirla per qualche ora di pomeriggio è diventata una necessità e una speranza per non compromettere completamente la stagione”. Conclude con un appello il capogruppo Pdl che auspica un maggior ascolto delle esigenze dei commercianti.

“Parli con queste persone Sindaco, perchè non hanno bisogno adesso di lezioni sulla necessità che -il commercio deve ripensare se stesso-, come dice l’assessore Marchetti, lo sanno già. Hanno necessità invece di una amministrazione complice, con cui confrontarsi e costruire insieme un progetto di rilancio. In un momento di emergenza consentire l’ingresso in Piazza alle 17.00 sarebbe un bel tendere la mano”.






Questo è un articolo pubblicato il 11-12-2012 alle 18:14 sul giornale del 12 dicembre 2012 - 648 letture

In questo articolo si parla di attualità, auto piazza fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/G9z