Porto S.Elpidio: prodotti illegali e privi di certificazione in un minimarket, denunciato un cinese

guardia di finanza di ascoli piceno 11/12/2012 - Articoli non conformi alle normative sulla sicurezza dei prodotti, molti dei quali destinati ai bambini, in esposizione in un negozio di Porto Sant’Elpidio. Sequestrati dalla Guardia di Finanza.

Nel corso di un’operazione finalizzata finalizzato ad assicurare gli standard qualitativi della sicurezza, la Guardia di Finanza di Ascoli Piceno ha rinvenuto e sequestrato all’interno di un minimarket gestito da un cittadino cinese merce non conforme alle normative sulla sicurezza dei prodotti e prodotti privi delle certificazioni CE o, dove riportate, evidentemente falsificate.

Tra gli articoli sequestrati, del valore commerciale di 40 mila euro circa, 1.270 erano rivolti alla fascia dei più piccoli (544 giocattoli luminosi, 662 pupazzetti natalizi e 61 megafoni), 2.980 alle correzioni visive (occhiali da vista) e i rimanenti 239.805 all’uso personale e domestico (234 mila luci di natale raccolte in 936 filari, 2.100 cerotti, 1.183 orologi da polso, 1.985 batterie alcaline, 265 torce, 150 lampade, 58 rasoi elettrici, 37 piastre per capelli e 27 sveglie).

Pertanto la merce è stata sequestrata e Z.X., il 25enne cinese gestore del minimarket di Porto Sant’Elpidio, è stato denunciato per il reato di “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”.








Questo è un articolo pubblicato il 11-12-2012 alle 00:41 sul giornale del 11 dicembre 2012 - 954 letture

In questo articolo si parla di cronaca, porto sant'Elpidio, Sudani Alice Scarpini, guardia di finanza di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/G7B





logoEV