Famiglia derubata, la truffa è online

frode telematica 30/11/2012 - Brutta sorpresa per una famiglia fermana che, giovedì 29, è rimasta vittima di una truffa telematica. Una mail, in tutto e per tutto simile alle molte ricevute dall'ufficio postale presso cui tenevano un conto corrente, li informava che a causa di un malfunzionamento era necessario reinserire i dati della propria carta di credito.

Peccato che questa volta non si trattasse di una comunicazione delle Poste ma dell'astuta trappola di un malvivente. La famiglia si è subito accorta che qualcosa non andava ma era ormai troppo tardi: la tempestiva telefonata all'ufficio postale e il blocco del conto non hanno evitato che il ladro rubasse 1000 euro dal conto, immediatamente “investiti” al video poker. La famiglia potrà ora chiedere un rimborso, ma la preoccupazione di non riuscire a recuperare il maltolto è comunque forte.

Le forze dell'ordine a cui è stato denunciato l'accaduto parlano di un fenomeno in crescita da cui è necessario imparare a difendersi. Non bisogna mai fornire gli estremi delle proprie carte di credito e bancomat su siti poco sicuri, sottolineano le forze dell'ordine. Inoltre occorre diffidare delle mail. In caso di perplessità è sempre meglio infatti contattare la banca o l’ufficio postale per avere dei chiarimenti. La moda di clonare le carte on line è ormai molto diffusa e le richieste dei propri dati arrivano di continuo finendo per rispondere in automatico, in assoluta buona fede. E così la truffa è servita.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11-2012 alle 19:17 sul giornale del 01 dicembre 2012 - 666 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, fermo, vivere fermo, frode telematica, Riccardo Gigli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/GI1