Illuminazione pubblica: contenere la spesa senza inficiare la sicurezza dei cittadini

lampione per illuminazione pubblica 25/02/2012 - Uno degli obiettivi primari di questa Amministrazione Comunale è quello del contenimento della spesa pubblica. Ciò è possibile anche attraverso l’adozione di politiche di risparmio energetico, dalla durata dell’accensione dell’illuminazione pubblica all’utilizzo di lampade a basso consumo e di riduttori di flusso di potenza.

In questa sperimentazione avviata in alcune zone del Comune, che una volta a regime potrà portare a significativi risparmi per le casse comunali, si potranno verificare piccoli disagi e difficoltà che avevamo messo in conto e che stiamo sistemando, senza inficiare la sicurezza dei cittadini.

Ma da qui a costruire nuovamente una polemica politica da parte del PDL ce ne corre. Sarebbe più utile invece che il PDL fornisse qualche valido contributo in tema di risparmio energetico, considerato che nei dieci anni della loro amministrazione non è stato realizzato alcun progetto di efficientamento energetico né è stato installato un solo impianto fotovoltaico sugli edifici pubblici, a differenza di altri enti che invece lo hanno fatto, approfittando di condizioni tecniche ed incentivi economici molto migliori degli attuali.

Il PDL però, quando era al governo della città, ha consentito all’Asite, suo braccio operativo, l’acquisto di oltre venti auto elettriche lasciate marcire nel piazzale dell’autoparco.






Questo è un articolo pubblicato il 25-02-2012 alle 17:01 sul giornale del 27 febbraio 2012 - 1568 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo, illuminazione pubblica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vIO