Detassazione degli straordinari: Confindustria Fermo sigla l'accordo con Cgil, Cisl e Uil

confindustria generico 2' di lettura 02/02/2012 - Maggiore competitività e produttività per le imprese e buste paga più pesanti per i loro lavoratori.

E’ con questi obiettivi che Confindustria Fermo, nei giorni scorsi, ha sottoscritto, con le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil, due “Accordi quadro territoriali” che consentiranno alle imprese aderenti al sistema di rappresentanza di Confindustria Fermo di avere accesso ai benefici dell’imposta sostitutiva del 10% sulle “componenti accessorie della retribuzione corrisposte in relazione ad incrementi di produttività dei loro dipendenti”.

Sarà proprio attraverso questa importante misura come strumento per combattere la recessione che, anche per il 2012, le imprese associate potranno vedere applicata per i loro dipendenti la tassazione in forma agevolata relativamente a tutti quegli istituti previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro applicato in azienda e riconducibili a incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione ed efficienza organizzativa. Tra questi per citarne alcuni: il trattamento economico per il lavoro supplementare, straordinario, in turni, notturno, festivo, quello domenicale. Il tutto in relazione a risultati riferibili all’andamento economico o agli utili dell’impresa o ad ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale. L’intesa raggiunta ha recepito le normative nazionali per rendere pienamente operative le disposizioni di legge e fa riferimento all' Accordo quadro nazionale sottoscritto da Confindustria e dalle organizzazioni sindacali.

Il provvedimento inoltre prevede tre specifici punti. In primo luogo la possibilità per le imprese di applicare le agevolazioni fiscali a tutti i loro dipendenti anche se occupati presso sedi o stabilimenti situati al di fuori della provincia di Fermo. Inoltre è stato stabilito l’obbligo per ciascuna impresa di informare la Rsu, se costituita in azienda e dare in ogni caso comunicazione ai propri dipendenti dell’attuazione ed applicazione dell’ Accordo. Terzo punto “l’applicabilità dell’Accordo territoriale quadro sottoscritto in subordine alla mancanza di contrattazione aziendale”. La detassazione degli emolumenti relativi alla produttività aziendale ora attende l'emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che individui i parametri di riferimento. Una nota è stata già inviata in questi giorni alle imprese associate dalla direzione di Confindustria Fermo per informare tutti i soggetti interessati sulle modalità di accesso ai benefici fiscali e la strutturazione dell’accordo sottoscritto con le organizzazioni sindacali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-02-2012 alle 16:28 sul giornale del 03 febbraio 2012 - 985 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, cisl, confindustria, uil, confindustria fermo, straordinari, detassazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uIE





logoEV