Porto San Giorgio: primo convegno nazionale dei responsabili di arti marziali

Primo convegno nazionale dei responsabili di arti marziali 2' di lettura 28/10/2011 -

Sabato prossimo, 29 ottobre, la città di Porto San Giorgio ospiterà il primo Convegno Nazionale dei Responsabili di Arti Marziali. L’evento vedrà arrivare da tutta Italia esponenti dell’Asi (Alleanza Sportiva Italiana) che operano nel settore delle arti marziali e sport da combattimento: un incontro finalizzato a dare maggiore organicità alla struttura associativa, approfondire la conoscenza e agevolare lo scambio di esperienze, creando le giuste sinergie per promuovere al meglio queste attività sportive.



Il convegno darà anche occasione ai rappresentanti di trovare i giusti canali per dare impulso alle arti marziali in Italia, nel territorio marchigiano ed in particolare nella provincia di Fermo, che ben si presta all’organizzazione e all’accoglienza degli eventi collegati alle discipline sportive del settore. L’incontro, che si terrà dalle ore 9:45 alle ore 19, avrà due momenti distinti; la parte operativa del convegno avrà luogo nella mattinata alla Sala Castellani in C.so Castello di Porto San Giorgio, e l’evento finale della chiusura dei lavori, alla sala conferenze dell’Hotel Caminetto, con una dimostrazione della delegazione di monaci Shaolin e una rappresentanza italiana di Maestri di Aikido. Il convegno è stato fortemente voluto dal M° Carmine Caiazzo (responsabile nazionale Asi per le arti marziali), dal M° Angelo Bellumore (responsabile nazionale Asi per il Ju-jitsu) e dall’Ataf (Associazione Turismo e Alberghi del Fermano), e realizzato con il patrocinio della Provincia di Fermo, dei Comuni di Porto San Giorgio e Fermo, dell’Asi e del Coni.

“Il convegno rappresenta una tappa fondamentale per sviluppare le attività dell’Asi in maniera organica - spiega il M° Angelo Bellumore - e per scegliere strumenti condivisi per la comunicazione degli aspetti educativi e sociali delle arti marziali. Elementi formativi come l’autocontrollo, il rispetto e la conoscenza dell’altro, passano trasversalmente dalla disciplina sportiva al mondo delle relazioni umane; la pratica delle filosofie delle arti orientali si propone, quindi, come via opposta a fenomeni ed episodi di rottura quali il bullismo giovanile.

Altro strumento di notevole utilità sociale è poi rappresentato dalla preparazione femminile all’autodifesa.” Il M° Bellumore ha iniziato la pratica delle arti marziali all’età di nove anni, è 5° Dan di Judo: insegna a Porto San Giorgio nella palestra Giselle (Accademia di Danza), e nel Centro Medico Sportivo K.E.N. di Fermo. Il suo ingresso tra i responsabili del settore Arti Marziali dell’Asi è stato caldeggiato dal M° Otello Rinaldi, 7° Dan di Judo e Ju-jitsu. Saranno presenti i delegati Asi, in arrivo da tutte le regioni italiane, ed esponenti del Coni. Prevista la partecipazione del Presidente Asi Claudio Barbaro e del Segretario Asi Marco Pietrogiacomi. Per avere maggiori informazioni riguardo al Convegno, sarà possibile contattare direttamente il M° Angelo Bellumore utilizzando il numero 339 3942 249.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2011 alle 19:31 sul giornale del 29 ottobre 2011 - 790 letture

In questo articolo si parla di attualità, sport, porto san giorgio, arti marziali, Asi, ataf

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/q1K





logoEV
logoEV