Maltempo, ritrovata l'auto travolta dall'esondazione a Casette d'Ete

auto travolta dall'esondazione a casette d'ete 07/03/2011 -

E’ stata ritrovata dai volontari della Protezione Civile, in servizio di monitoraggio lungo le sponde dell’Ete Morto, l’auto travolta dall’esondazione del fiume nella mattinata di mercoledì 2 marzo. La vettura è stata avvistata a circa 3 chilometri di distanza dal ponte, direzione mare. Nella mattinata di martedì verranno eseguite le operazioni di recupero.



Una prima stima dei danni relativa ai Comuni del Fermano è stata comunicata dalla Regione Marche. Tra spese per gli interventi nella fase emergenziale (2.586.167,20 Euro), riparazione di beni immobili e infrastrutture comunali (40.296.887,49 Euro), danni a privati (12.715.000 Euro), danni ad attività produttive escluse quelle agricole (14.011.000 Euro) e strade vicinali (15.000 Euro), la cifra raggiunge i 69.624.054,69 Euro. A questi vanno sommati i 47.500.000 Euro per gli assi fluviali e la viabilità stimati dalla Provincia di Fermo, per un importo complessivo al momento vicino ai 120 milioni di Euro. La Provincia di Fermo e il Comune di Fermo hanno inoltrato una lettera alla Prefettura, al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, al Coordinamento provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Ascoli Piceno e alla Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto, nella quale si conferma la presenza di numerose bombole contenenti sostanze non identificate nell’area compresa tra la vallata del fiume Ete Vivo e la zona costiera di Marina Palmense.

Rimane, infatti, critica la situazione già segnalata nei giorni precedenti, a cui ha fatto seguito un attento monitoraggio dell’area interessata da parte della Sala Operativa Integrata della Provincia di Fermo, tramite i volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa. Per l’interruzione dell’elettricità, restano ancora isolate due famiglie nei Comuni di Montefalcone ed Amandola, supportate però da gruppi elettrogeni messi a disposizione dalla Protezione Civile. In riferimento alla frana sulla sponda sinistra del fiume Aso, in località Marina di Altidona, la condotta idrica non risulta compromessa.

Dal pomeriggio di domenica la Ciip è intervenuta d’urgenza per una stabilizzazione della rete. A Cascinare, in via Petrarca, a causa di una frana è stata evacuata una famiglia. Il proprietario del laboratorio artigiano sottostante si sta trasferendo in un altro locale, per proseguire la propria attività lavorativa. Proseguono i lavori di ripristino del ponte sull’Ete Morto a Casette d’Ete. Sullo spazio Facebook “Provincia Fermo” è stata pubblicato un invito all’invio di immagini ad alta risoluzione e video sull’emergenza maltempo all'indirizzo email ufficiostampa@provincia.fm.it oppure presso la sede centrale della Provincia di Fermo in Viale Trento 113/119 - c/o Polo Scolastico (per ulteriori informazioni: 366.6873902). Resta aperta la Sala Operativa Integrata di Protezione Civile della Provincia di Fermo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2011 alle 18:24 sul giornale del 08 marzo 2011 - 975 letture

In questo articolo si parla di attualità, maltempo, fermo, provincia di fermo, casette d'ete

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ibh





logoEV