Capodarco: gli 'anelli deboli' e il loro racconto sui media

scrivere 4' di lettura 04/11/2010 -

La rappresentazione del disagio e dell’emarginazione sociale sui mass media è spesso oggetto di lamentela da parte di chi vi è direttamente coinvolto.



Le persone che hanno vissuto o vivono stati di difficoltà, e tutto il mondo degli operatori sociali, rilevano in proposito varie problematiche: limitatezza delle fonti utilizzate, superficialità, ricorso a luoghi comuni; e soprattutto la frequente trattazione dei temi sociali o come conseguenza dell’agenda politica o in connessione alla cronaca nera, come questi fenomeni fossero qualcosa di cui parlare solo rispetto alla devianza e alla diversità. Una situazione che ha tra le sue conseguenze negative il consolidamento di stereotipi e l’alimentazione di intolleranze, paure e allarmi sociali.

Tra le cause di questa insoddisfazione vi è una permanente fatica nel dialogo fra gli operatori dell’informazione (e della comunicazione in generale) e gli addetti al “sociale”, sia del settore pubblico che del privato non profit, professionali o volontari.

Se è vero che le cause sono dovute a entrambe le parti, ciò rende sempre più necessario che questi due soggetti si legittimino a vicenda e che si parlino con costanza e sistematicità. Serve insomma una alleanza tra giornalismo e operatori sociali, per una informazione sempre più corretta ed efficace sugli “anelli deboli” della società. La Regione Marche, nell’ambito del progetto europeo OPEN, e avvalendosi dell’esperienza della Comunità di Capodarco nei seminari di Redattore Sociale, organizza questo primo incontro di formazione con i giornalisti della regione proprio allo scopo di avviare un percorso nuovo di conoscenza reciproca, di approfondimento tematico e di collaborazione.

PROGRAMMA 8.30 – Registrazione dei partecipanti 9.30 – Apertura dei lavori - Interventi di saluto di Gianni Rossetti e Roberto Mencarini Interventi introduttivi - L’ente pubblico come fonte di informazione - Luca Marconi - Sociale e informazione: un’alleanza necessaria – Vinicio Albanesi - Imparare a leggere il sociale – Stefano Ricci 11.00 – Coffee break 11.30 – Relazioni tematiche Immigrazione: Marche regione accogliente? – Gabriele Sospiro La seconda regione più anziana – Giovanni Santarelli 13.00 – Pranzo in Comunità 14.30 – Ripresa dei lavori 15.00 – Relazioni tematiche Altre famiglie: affido, adozione… - Andrea Marangoni Prostituzione e tratta, dallo sfruttamento al riscatto – Vincenzo Castelli 16.30 – Proiezione video dal Premio L’Anello debole 2010 17.30 - Dibattito 18.00 – Termine dei lavori

RELATORI Vinicio ALBANESI – Sacerdote, presidente della Comunità di Capodarco. Vincenzo CASTELLI – Presidente dell’Associazione “On the road”. Luca MARCONI – Assessore “Sostegno alla famiglia e Servizi sociali, Cooperazione allo sviluppo, Emigrazione, Immigrazione” della Regione Marche. Andrea MARANGONI – Responsabile dell’associazione Piombini-Sensini di Macerata, che gestisce tra l’altro la comunità di accoglienza per minori “Il girasole”. Roberto MENCARINI – Segretario del Sindacato Giornalisti Marche. Stefano RICCI – Responsabile dell’Osservatorio Politiche Sociali dell’Agenzia regionale sanitaria della Regione Marche. Gianni SABATINI ROSSETTI – Presidente dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche Giovanni SANTARELLI – Dirigente della P.F. “Programmazione sociale e integrazione socio-sanitaria” del Servizio Politiche sociali della Regione Marche. Gabriele SOSPIRO - Dottore di ricerca in Sociologia all'Università Politecnica delle Marche, responsabile del “Circolo Africa” di Ancona, redattore del Dossier Immigrazione Caritas-Migrantes.

Partecipazione Il seminario è riservato ai giornalisti impiegati a tempo pieno o come collaboratori in una o più testate delle Marche, agli addetti alla comunicazione di enti e associazioni della regione, agli allievi della scuola di giornalismo di Urbino e dei corsi universitari marchigiani sulle comunicazioni. La partecipazione è gratuita e include il pranzo, i coffee break e i materiali di documentazione.

Iscrizioni Le iscrizioni vanno effettuate entro il 2 novembre 2010 compilando il modulo all’indirizzo web: http://www.giornalisti.redattoresociale.it/iscrizioni.aspx.

Informazioni Il seminario si svolge presso la Comunità di Capodarco di Fermo, via Vallescura n. 47. Segreteria organizzativa: Agenzia Redattore Sociale, tel. 0734 681001; e-mail: giornalisti@redattoresociale.it.

Come arrivare In auto: Autostrada A/14, uscita casello Fermo-Porto San Giorgio; girare a sinistra e percorrere la Statale 16 verso nord per 6 km. circa; svoltare a sinistra per Capodarco di Fermo. La Comunità (una villa su una collinetta, circondata dagli alberi) è a 3 km. circa sulla sinistra. In treno: Stazione di Porto San Giorgio. Avvertire la segreteria sull’ora di arrivo: funzionerà un servizio navetta per il trasferimento. Giuria popolare del Premio L’Anello Debole Il seminario costituisce anche l’evento di apertura del Premio L’Anello Debole 2010, assegnato ai migliori video e audio su temi sociali. I partecipanti potranno chiedere di far parte della Giuria popolare che tra il 5 e il 7 novembre valuterà le opere finaliste durante l’“L’Anello Debole-Capodarco Corto Film Festival”. Le iscrizioni possono essere inoltrate fin d’ora compilando il modulo su www.premioanellodebole.it.

Tutti i dettagli sul Festival e il modulo per far parte della giuria popolare sono disponibili sul sito www.premioanellodebole.it. In particolare il programma è all’indirizzo: www.premioanellodebole.it/Festival.aspx.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-11-2010 alle 17:25 sul giornale del 05 novembre 2010 - 709 letture

In questo articolo si parla di regione marche, letteratura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/d3A