Sel: alle prossime elezioni l'alleanza Pd-Udc non funzionerà

Edoardo Mentrasti (sel) 29/09/2010 -

“Negli ultimissimi giorni, prima Casini, poi Enrico Letta........: a dire che l'alleanza PD-UDC modello Marche (e con l'IDV come la mettiamo?) è strategica, da esportare a livello nazionale, mentre la sinistra va emarginata o al massimo può accomodarsi, subalterna.



Stanno facendo male i loro conti. Già nelle Marche il PD non era stato elettoralmente brillante e l'UDC aveva perso rispetto alle politiche, con la sinistra al buon livello del 7,1%. Ma soprattutto come si fa a livello nazionale che contro il centro-destra, con gli attuali numeri, possa vincere una simile alleanza? Irresponsabili. Vogliono far vincere di nuovo Berlusconi?

Non è il caso di iniziare piuttosto a ragionare sul piano del programma, di acqua pubblica, di scuola pubblica e laica, di difesa dei salari e dei diritti contrattuali dei lavoratori, di reddito sociale per i precari, di politica di programmazione industriale, di politica in favore di piccole imprese, anziché dei continui regali alle grandi? O sul piano del modo di far politica, anziché ragionare di formulette ed alchimie, non è il caso semmai di chiamare il popolo di sinistra e democratico a mobilitarsi e a decidere con primarie aperte il candidato premier? Programma e primarie dunque stelle polari per l'alternativa e una nuova alleanza riformatrice e di governo.

Chi ci sta ci sta. Lo stesso atteggiamento va tenuto anche per le prossime amministrative alla provincia di Macerata e Fermo valorizzando gli storici rapporti unitari a sinistra. O No? O li voglio irresponsabilmente disperdere e desertificare? Come la pensa il PD?”


da Edoardo Mentrasti
Sinistra Ecologia e Libertà




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-09-2010 alle 15:11 sul giornale del 30 settembre 2010 - 656 letture

In questo articolo si parla di politica, Edoardo Mentrasti, Sinistra Ecologia e Libertà, mentrasti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cHc