Porto S.Elpidio: al via il nuovo anno scolastico, il saluto del Sindaco

3' di lettura 14/09/2010 -

Giovedì mattina a Porto Sant’Elpidio la campanella tornerà a suonare per 2.472 studenti. Nei sei plessi delle scuole primarie saranno 1.184 gli alunni a tornare sui banchi di scuola, alla Galilei-Marconi 758, mentre nei 5 plessi delle scuole d’infanzia i bimbi saranno 530. Per accogliere al meglio gli studenti, nelle scorse settimane l’amministrazione comunale ha realizzato i lavori di sistemazione di tutti gli edifici scolastici.



“L’avvio di un nuovo anno scolastico- ha spiegato il sindaco Mario Andrenacci- è sempre un momento importante, sia per i bambini che per le loro famiglie. E’ proprio all’interno della scuola infatti che ogni individuo intraprende e sperimenta un proprio cammino di crescita e di acquisizione di saperi, che completa ed integra i percorsi avviati in ambito familiare. E’importante, quindi, riconoscere alla scuola un ruolo strategico insostituibile, in quanto favorisce ed incentiva la conoscenza, l’apprendimento e la sperimentazione. Nello stesso tempo, va vista e vissuta come il luogo del confronto, dello scambio e delle relazioni sociali. Il comune di Porto Sant’Elpidio, da parte sua, ha sempre fatto degli investimenti nella scuola una priorità assoluta, proprio perché essa rappresenta il punto di riferimento per lo sviluppo e la crescita culturale e sociale dei ragazzi.

Quest’anno purtroppo ci troviamo a dover fare i conti con una riforma che penalizza, con tagli indiscriminati, la formazione dei nostri giovani. Basti pensare che, nonostante l’incremento degli studenti (a Porto Sant’Elpidio per l’anno scolastico 2010-2011 si è registrato un +2,28%) il Governo ha licenziato più di 42 mila docenti, oltre 15mila personale Ata, per non parlare del personale precario, i quali con l’approvazione del DDL Lavoro da parte della Camera sono i più colpiti dalla riforma: una scelta sbagliata e di corto respiro che sta facendo male alla qualità del sistema scolastico italiano”.

“La scuola-ha proseguito il sindaco Andrenacci- non è comunque l’unico settore che sta risentendo concretamente della politica di tagli indiscriminati portata avanti dal governo e che si abbatte, inevitabilmente, anche sul nostro territorio. Basti pensare ai tagli previsti dalla Finanziaria per la sanità, i trasporti ed i servizi sociali. Tutte queste restrizioni non ci impediranno però di continuare a garantire servizi di qualità. In particolare, attraverso il Tavolo di concertazione Scuola-Comune, realizzeremo ancora importanti progetti su diverse tematiche: dalla coprogettazione degli spazi al sostegno della genitorialità, dall’integrazione dei minori immigrati al forte impegno per le attività di animazione e laboratoriali. Le insegnanti e gli insegnanti di Porto Sant’Elpidio in tutto questo hanno avuto un ruolo centrale, scrivendo una pagina importante della storia della città e favorendo la crescita culturale, della partecipazione attiva e della democrazia.

Rivolgo ai dirigenti, agli insegnanti e a tutti coloro che operano nella scuola il mio sostegno e il mio incitamento a portare avanti il loro delicato lavoro educativo con la passione e consapevolezza di sempre. Agli studenti porgo l’augurio di fare bene e di ricevere dalla Scuola non solo conoscenze ma anche il bagaglio di valori e di esperienze per affrontare le diverse situazioni che la vita può prospettare. Ai genitori l’augurio di accompagnare con serenità la crescita dei propri figli senza perdere mai di vista l’impegno per il bene comune”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2010 alle 18:22 sul giornale del 15 settembre 2010 - 641 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, mario andrenacci, porto sant'Elpidio, Comune di Porto Sant'Elpidio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/b8Z





logoEV